Skip to content

La gentilezza del motociclista

113 bozzacover

Anni fa, mio fratello entra in casa e dice ai miei genitori “giù c’è la moto”.

 

Che mia mamma soffre di cuore al pensiero che uno possa uscire a comprare il giornale e mio padre accoglie le novità una ogni dieci anni e aveva già accolto il videoregistratore tre anni prima.

“Giù c’è la moto”, buttato lì con nonscialàns è stato come far scoppiare un petardo in chiesa, durante la messa del sabato sera, quella delle pie donne.

Tra parentesi, in casa nostra non avevamo mai guidato nemmeno un motorino, fino al giorno prima, non c’erano i soldi, per cui una moto da gran turismo, come si suole dire, era un salto quantico per la famiglia intera.

 

Mio fratello e io siamo molto diversi, in questo. A dare delle notizie importanti, intendo.

Io preferisco preparare la gente, con gentilezza, che così possiamo arrivare tranquilli e senza timori ad affrontare quello che ci aspetta.

 

E che comunque sappiamo che accadrà, prima o poi.

 

Tutto questo per dirvi che adesso so quando chiuderò la serie di RAT-MAN.

Adesso so che per qualcuno, questo significa un aumento dei battiti cardiaci e lo ringrazio molto, per questo, perché significa che per lui RAT-MAN è stato importante e si è affezionato a questa serie che ha navigato, coraggiosamente, per più di vent’anni in un mare non sempre calmo e soleggiato.

 

So quando finirà la serie di RAT-MAN perché ho lavorato negli ultimi mesi a costruire la trama finale dell’ultima, lunga storia. E il numero di albi necessari per chiudere questa serie si è assestata attorno a una cifra precisa.

 

Non ci saranno più, insomma, delle parentesi scanzonate, tipo THE WALKING RAT, ma mi è parso più interessante, almeno per quanto mi riguarda, andare in fondo alla faccenda.

E ho dovuto armarmi di coraggio, per prendere questa decisione, perché voleva dire mesi e mesi di lavoro durissimo, da calibrare a ogni uscita, perchè tutte le sottotrame lasciate in sospeso si unissero in un’unica storia, lucida e precisa come una lama d’acciaio, che andasse a colpire il gran finale con la precisione di un cecchino.

 

Non è nemmeno detto che riesca a centrare il bersaglio. Ma di questo ne parleremo alla fine.

Che avverrà con il numero 122. Settembre 2017.

 

Una mega storia in dieci capitoli, che partirà con il numero di marzo.

Dopo di che, la serie di RAT-MAN chiuderà.

 

Spero che vogliate fare questo ultimo giro insieme e che vi piaccia.

Sto anche cercando di scrivere l’ultima saga in maniera che chi non conosce Rat-Man possa leggerla ugualmente. Come se fosse una miniserie uscita fresca, fresca in edicola.

 

Per ora, davvero, è tutto.

 

RAT-MAN # 122.

In uscita a settembre 2017.

Ultimo numero.

Grazie a tutti.

 

leo

 

 

P.s. Giù c’è la moto.

TORNERANNO I PRATI STELLARI

Giusto per andare avanti con le nostre vite, ieri sera mi sono visto TORNERANNO I PRATI del Maestro Olmi e alla fine mi è venuta in mente questa cosa qui.

Chi conosce le opere di Olmi spero apprezzerà. Chi non le conosce, via a guardarsele!

torneranno i prati 01

torneranno i prati 02

torneranno i prati 03

torneranno i prati 04

torneranno i prati 05

torneranno i prati 06

torneranno i prati 07

torneranno i prati 08

torneranno i prati 09

torneranno i prati 10

torneranno i prati 11

STAR WARS VII-Mi risveglio a Forza

Vabbè, è Natale e sono qui a postare una recensione che forse non tutti avete visto il film, però non contiene spoiler grossi. Tipo che Jar Jar è tornato e stavolta Greedo ha sparato per primo.

Consideratelo il mio regalo. Se lo avete già, ho lo scontrino. Passate delle buone feste.

SWVII 01

SWVII 02

SWVII 03

SWVII 04

SWVII 05

SWVII 06

SWVII 07

SWVII 08SWVII 09

SWVII 10SWVII 11SWVII 12SWVII 13

SWVII 14

SWVII 15SWVII 16

SWVII 17

Siam mica matti. O sì?

matti di Parma_DEF

Credo che siano pochissime, le occasioni come questa. Di scrivere cioè un libro collettivo sotto la supervisione di Paolo Nori. Se non conoscete Paolo Nori è perchè siete tornati stamattina a nuoto da quelle isole deserte là e ci avete messo tipo 20 anni. E siete fortunati perchè scrive dei libri bellissimi e anche divertentissimi che potete leggere come fossero stati stampati adesso, invece sono vent’anni che noi li leggiamo. E adesso c’è questa cosa qui, a Parma, in gennaio, con lui. Per ogni dettaglio tecnico vi lascio l’immagine della locandina, mentre se volete che Paolo vi racconti di cosa si tratta, leggete pure qui di seguito.

E se vi lasciate scappare una cosa del genere, i matti siete un po’ voi, secondo me.

20151219_201345_resized

I repertori dei matti della città

di Bologna, Milano, Torino, Roma, Cagliari, Parma, Andria , Mantova, Venezia e Livorno, forse

Qualche mese fa ero a Genova a fare un seminario di letteratura, a me a Genova, non so perché, la gente, mi sembrano tutti un po’ squinternati, e ai ragazzi che facevano il seminario, quando ho letto dei pezzi dal Repertorio dei pazzi della città di Palermo, di Roberto Alajmo, ho chiesto ai ragazzi che facevano il seminario «Ma perché non fate il Repertorio dei pazzi della città di Genova?».

Il giorno dopo son tornato a Bologna, a guardarmi intorno a Bologna ho pensato che anche a Bologna, c’era pieno di squinternati e mi sono chiesto “Ma perché non facciamo il Repertorio dei matti della città di Bologna?”.

Il giorno dopo son stato a Milano, da quelli di Marcos y Marcos, intanto che mi guardavo intorno pensavo che anche a Milano, Claudia Tarolo e ci siamo detti insieme che anche a Milano, c’era pieno di squinternati, e che si poteva fare anche il repertorio dei matti della città di Milano e ho proposto la cosa a Marocs y Marcos, egli ho citato un libro che so che a loro piace molto, Le opere complete di Learco Pignagnoli, un libro di Daniele Benati, in particolare l’opera numero 13, quella che fa così:

Opera numero 13

Tranne me e te, tutto il mondo è pieno di gente strana. E poi anche te sei un po’ strano.

E ci è venuto in mente che tutte le città potrebbero avere il loro repertorio dei matti e abbiamo trovato un altro libro, sempre a cura di Roberto Alajmo, che si chiama Repertorio dei pazzi d’Italia dove nell’introduzione Alajmo dice che “Forse ogni città dovrebbe possedere un repertorio dei pazzi, così come di ogni città esistono le guide dei ristoranti e degli alberghi”.

E allora abbiamo chiesto a Alajmo l’autorizzazione, e Alajmo ci ha dato l’autorizzazione e abbiamo cominciato dei seminari e abbiamo fatto il Repertorio dei matti della città di Bologna, di Milano, di Torino, di Roma e di Cagliari, e faremo il repertorio dei matti della città di Parma, di Andria, di Mantova, di Venezia e di Livorno, forse, che daranno vita, questi seminari, ognuno a un libretto, come una guida dei ristoranti o degli alberghi, che saranno però anche dei piccoli libretti di storia, di una storia laterale e insignificante ma che potrebbe essere anche molto bella, ci sembra. E i partecipanti a questi seminari ci sembra che si debbano tutti un po’ trasformare in cronisti medievali della contemporaneità.

Paolo Nori

(nella foto, Paolo Nori e leo alla FONDERIA 39 a Reggio Emilia, durante il Festival Sonoro della Letteratura, 18-20 dic 2015)

Calma.Soprattutto calma.

Mi chiedete una recensione di STAR WARS VII e l’avrete. Ma non prestissimissimo. Sto cercando di iniziare degnamente la saga finale di RAT-MAN e sono rimasto indietro con il mio lavoro, per avere voluto costruire una trama solida su cui costruire una storia elegante. Quello, insomma, che non hanno fatto con Star Wars.

Ma. E’ inutile chiedermi se merita o non merita vederlo. Ci si va e basta. E’ la vita. Del nerd. Ne abbiamo parlato per anni e ora che fate? Avete il dubbio se andare a vederlo o meno? Non scherzate. Si va. E la Disney non mi paga, per scrivere queste cose. Tanto lo sa, che ci andremo tutti.

Quindi fate un bel respiro e andate. Potrebbe anche piacervi moltissimo. Ognuno di noi ha i suoi gusti ed è giusto che sia così, altrimenti ci sarebbero i forum vuoti.

Dai. Prima o poi ve lo recensisco. Ho già iniziato a scriverla.

E comunque mi sono affezionato tantissimo a Ornello Vanoni in Boyega.

STAR RATS e poco più

Giusto due chiacchiere sulla prossima uscita di un albo che poi è anche un film che precede un nuovo film che però non si è accorto che quello ha frenato e tampona.

 

http://www.wired.it/play/fumetti/2015/11/20/leo-ortolani-lumorismo-meraviglioso-fatica/

IL RITARDO (frutto della passione)

Perchè il pupazzino di RAT-MAN non è ancora arrivato in edicola.

20151105_222233

Uno è anche andato a chiamarlo ma non è ancora tornato.

20151105_222503

Le cose si complicano.

20151105_223335

Poi è scoccata la mezzanotte.

20151105_223744

Ma tutto questo non fermerà RAT-MAN.

20151105_223848

To be continued…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 3.539 follower