Skip to content

Le farfalle di Belen

28/10/2012

 Scarico la posta, c’è questa lettera da una certa “Miss Gioisci” che solletica l’attenzione del mio essere un maschio vero. Tipo che sulla mia carta d’identità c’è scritto: sesso? Lungo. Una cosa così, da ridere con gli altri marinai al porto. E insomma, Miss Gioisci ha scritto A ME. Apro la lettera e la leggo, con un sorrisetto da ictus.

“Sono Miss Gioisci, interessato a te, e
desiderio di avere te come il mio amico,
per amico è tutto passione rispetto, ammirazione e amore,
e la condivisione di idee,
ho intenzione di inviare la mia immagine per voi, se mi risponde”.

 E’ così difficile fare amicizia, al giorno d’oggi. Soprattutto con donne che si chiamano Miss Gioisci. E mi stavo già facendo una certa idea, aggiustandomi il capello morto ma ancora piacente e controllandomi l’alito (basta alitare direttamente sul monitor: se si apre la pagina internet del Regio Colluttorio del Cavalier Sciacqualani, hai un problema). Poi, però, ho letto “interessato a te”. Non “interessata”. InteressatO. E Miss Gioisci, da splendida ucraina dal collo di cigno, ha assunto le sembianze di un inquietante mandingo dal collo d’oca. L’ultimo mandingo in grado di mandare email in giro. Ma soprattutto interessato A ME. E allora ti domandi se hai fatto bene ad aprire un blog. Un segno di apertura mentale verso il nuovo, che è stato male interpretato.

E un amico “tutto passione, rispetto, ammirazione e amore”, ma niente Guerre Stellari, per me è sempre un’amico sospetto. Sono un avventuriero? Potrei dire di sì, visto che ho deciso di passare da CIAK a BEST MOVIE, dopo 24 anni, ma oggi mi sono reso conto di non essere così intraprendente come la rete richiederebbe.

 Che dopo una settimana di blog, non ho ancora capito come inserire, qui a destra, i blog che seguo, o gli articoli che trovo in rete e che potrebbero interessarvi, tipo “come costruire una nave in crosta di pane senza l’uso della vista”. E non ho ancora aperto la pagina di fèisbuk. Sono un po’ lento a capire, me lo dicevano anche ieri, alla cassa dell’Unes.

Tuttavia, sono uno di quelli che a forza di provare, poi riescono. A scuola guida, per esempio, ho fatto qualcosa come trentasei guide, prima di dare l’esame. Trentasei guide sono tante. C’è una sorta di relazione tra il numero di guide e il tipo di guidatore, che tra le zero e le dieci guide sei “abile e scattante”, tra le dieci e le venti guide sei “prudente, ma deciso”, tra le venti e le venticinque sei già su “dai che è verde!”, tra le venticinque e le trenta vai su “mettiti il cappello, quando guidi, almeno li avverti”, fino ad arrivare alle ultime classi, dove tra le trenta e le trentacinque “non sei male, per essere morto”, dalle trentacinque alle quaranta sei “amico della scimmia Bonga”, dalle quaranta in su sei la scimmia Bonga.

Così, se metto i tag a muzzo, come fosse formaggio grattugiato sulla pasta, se inserisco categorie che non userò mai più, come Samuel L. Jackson, se parlo di cose che interessano solo a me, poi le rileggo, in effetti non interessano nemmeno a me, abbiate pazienza.

 Non ho ancora capito come si fa a fare i post che a leggerli tutti si indignano e sputano sul monitor, in segno di disprezzo, poi gli tocca pulire, prendono uno straccio, alitano e ZAC! Colluttorio del Cavalier Sciacqualani.

Non ho ancora capito come si fa a scrivere quei pezzi di carattere fortemente attuale, tipo le farfalle di Belen, che poi tutti ci cliccano sopra, pensando di vedere dove si sono posate, quelle farfalle lì, e invece niente, sembra che ci fosse la mutanda. Una truffa, tutti indignati, e nessuno a fare invece i complimenti al tatuatore, che ha avuto una mano fermissima, aveva anche un assistente che doveva gettargli continuamente addosso delle secchiate d’acqua gelida.

Per ora, una cosa intanto l’ho capita, Signorina Gioisci. Che non occorre che mi mandi la sua immagine, non c’è bisogno, davvero. Come avessi accettato.

40 commenti
  1. Il/La signorina/o gioisci non mi è ancora capitata, ma in compenso la mia mail è quotidianamente intasata da ogni tipo di compravendita di pillole magiche o esercizi improbabili che ti consentono di far sparire la panza in un quarto d’ora o di avere crisalidi sempre più vigorose…
    Il prezzo di avere una mail pubblica sul blog!

  2. romano, the original one permalink

    oddio l’immagine della crisalide credo mi rimarrà impressa a vita

  3. Giovanni permalink

    Leo meglio i tuoi post che divagano di quei post mirati ad alzare il counter. Alla fine un blog dovrebbe essere soprattutto questo: una piccola finestra su quello che ti passa per la testa.

  4. Elianto permalink

    …. Ma da quando Cinzia ti scrive mail? E sopratutto , da quanto tempo è che le scrive anche a ME??? ( brivido…)

  5. Un amico si scrive senza apostrofo.

  6. Condivido con quello che ha scritto Giovanni qui sopra: Leo continua ad essere così. Sei spontaneo e devi postare semplicemente ciò che ti passa x la mente. Naturale e spontaneo come sei sempre stato. Ps: per quanto riguarda feisbuc e le altre particolarità della rete fidati anche io c’ho impiegato anni per capirci qualcosa. Il sottoscritto e la tecnologia abbiamo litigato dalla nascista!

  7. “Sono miss gioisci, sono interessatO a te; vuoi che ti mandO una foto della mia crisalide?”

  8. Oh, il dr. Sciacqualani… che nostalgia. Tempo addietro l’avevo pure usato per un account falsato…

  9. Juri permalink

    Eh, Francesco, ma pure con l’italiano non è che ci vai d’amore e d’accordo, eh! :p

    Comunque, Leo, ognuno riceve le mail di spam che si merita: io, all’ennesima “Enlarge your penis NOW!” ho smesso di girare per casa in mutande.

    • Juri, veramente con l’italiano me la cavo bene, ho scritto un romanzo e ne sto finendo un secondo. Ho scritto “nascista” per sbaglio xD è partita una “s” di troppo.

      • Juri permalink

        Ma si, dai, era una battuta, non te la prendere :p

      • Zigram M. Arna permalink

        aver scritto romanzi non ti rende innocente:

        -“condivido con quello” il con è di troppo.
        -“il sottoscritto e la tecnologia abbiamo” è 3a persona plurale, hanno; se parli di te in 3a persona (eh vabbè…) almeno sii coerente durante il discorso, nonostante possa suonare malissimo.
        -punteggiatura a caso (perlopiù assente).

  10. Vorrei essere il tuo amico immaginario, così potrei farti compagnia anche quando sarai
    solo, sotto le coperte, vestito solo con due gocce di dopobarba Acqua di Parma, e ridere
    ridere e ridere alle tue continue battute.:-)

    Sei un grande!

  11. Oscar permalink

    Per uno che segue solo un Blog, il Tuo, devo dire che lo tieni proprio bene! Oserei dire che è il miglior blog che leggo!
    Per quanto riguarda Miss Gioisci lei non mi ha ancora scritto, ma dalle sue parti devono proprio avere bisogno di amici, stando a tutte/i quelli che mi scrivono.

  12. Leo te lo dissi a Bologna, non aprire FEISBUK è la rovina della gente.
    Continua con il blog, continua a scrivere ciò che ti passa per la testa (oltre la forfora), continua ad essere spontaneo, continua a farci ridere e sorridere.
    E’ uno dei pochi blog che seguo con piacere, gli altri li trovo noiosi a causa dei contenuti troppo seri.

  13. Ti trovo seriamente geniale. Non so chi abbia più problemi tra te e me… =/

  14. Magari non ci avrai capito ancora una mazza su come utilizzare le funzioni del blog (ma non sei l’unico, anche chi scrive lo usa coi piedi), epperò in una settimana di apertura hai già preso il possesso della sezione “post più letti” di wordpress.
    Certo, convivi con gente che vede ufo dappertutto, che parla con gli extraterrestri o che, per un po’ di visibilità, fa copia e incolla degli articoli di giornale, però sossoddisfazzioni comunque😀

  15. i tag “a muzzo” è espressione (peraltro delle mie parti) che vale da sola il prezzo del biglietto del blog (biglietti che acquisto a muzzo)

  16. Ciao Leo,

    col blog per eccellenza fai disfi e dici quello che ti pare, se non interessa, amen, se interessa, meglio.
    Se proprio vedi che non interessa non interessa e invece che uno sfogo fai una fatica matta a starci dietro lo chiudi.
    Ma chissà perchè mi sento che accadrà il contrario.

    Comunque, alla fine dei post, metti il tastino di condivisione (Twitter, o se poi vorrai, Féisbuk), che è più rapido, se no bisogna fare copia in colla da una finestra all’altra.

    Ciao!

  17. devo aggiungere che l’espressione corretta sarebbe stata “tag a munno”, cioè a caso, mentre per “a muzzo” deve intendersi “a corpo”, o “senza scegliere”. Es. Se le ghiande sono buone le compro tutte “a muzzo” (classica domanda da porci).

  18. neurone permalink

    scrivi quello che ti pare, come ti pare…. per una rat-dipendente come me, il blog calma le crisi d’astinenza tra un fumetto e l’altro! ché inizio a pensare che il giornalaio si inquieti quando gli passo davanti ogni giorno, mi fermo a distanza, fisso l’edicola un paio di secondi, e me ne vado.

  19. valberici permalink

    A me le miss Gioisci non scrivono più…in compenso cominciano ad apparirmi pubblicità su feisbuc in cui mi si propongono economici controlli della prostata…

    p.s.: ti rubo la scusa riguardante l’accento, è assai convincente 😀

    • Tu non sai quanto sia abile un ignorante, quando cerca una scusa. Johanna scrive un elenco di nomi di amici. Poi me lo mostra.”Johanna, hai scritto MAGLIA, non MAYA(nome di una delle sue amiche )! La MAGLIA è questa qui!” E Johanna, senza scomporsi “Infatti io volevo scrivere quella maglia lì”.

      • Zigram M. Arna permalink

        e poi quella maglia è la fine del mondo

  20. Leo s’è aperto un blog! LEO S’E’ APah s’era capito… E’ profonda emozione quella che scorre in me! Saluti dal Buon Vecchio Fab di Colonna [qualche annetto che non ci si becca eh!!]

  21. ragnarok36 permalink

    Non essere così abbattuto Leo, pensa che a me non scrivono nemmeno i Miss Gioisci uomini, figurati le donne!

  22. neurone solitario permalink

    Leo, mi giri l’invito? Rispondo io al posto tuo. Ti giuro, proverò a farti fare bella figura.

  23. Ahahahahah Leo mi fai morire dal ridere con i tuoi post!🙂

  24. Leo non so come tu faccia ma trovi sempre il modo di farmi ridere… persino alla pausa pranzo del lavoro dove ne ho più bisogno sapendo che mi mancano ancora 4 lunghe ore… Spiegami come posso fare a non definirti GENIO… tanti anni che passo a leggerti e riesci sempre a trovarne una più del diavolo per farci sopra una battuta o una gag… SEI UN GRANDE!!!

    ps. per caso sai se è prevista una nuova ristampa di ratman? alcuni miei amici che hanno iniziato a conoscerti leggendo alcuni miei albi vorrebbero iniziare a seguirti dal primo numero di rat man…😄

    pps. per me la tua dedica su 299+1 rimane un gioiello di cui mi vanto con tutti!!! altro che perdita di valore😉

  25. a proposito di STAR WARS… ti propondo guesta news:

    Lucasfilm has agreed to be acquired by Disney, a joining of forces that offers tremendous opportunities for the future of Star Wars. As the leading global family entertainment company, Disney is the perfect partner for everything Star Wars. The original six films of the Saga saw Anakin go from a young boy to a Jedi Knight to a Sith Lord and ultimately through to his redemption, but there are still many more stories to be told. With this announcement, George Lucas passes the torch to a new generation of filmmakers to make Star Wars films that will faithfully carry on the legacy.

    • NNNNNNNNNOOOOOOOOOOOOUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: