Skip to content

Better News

01/10/2013

allen uscito 099
Gente che si conosce da anni e che si fa gli scherzi su internet.

Alla fine vai a scoprire che l’autore dell’articolo di BadComics era Deboroh Walker.
Deboroh! Ma pensa te!
Un ridere!
Come a dire che senti una puzza in ascensore, ti guardi intorno con sospetto e poi scopri che sei stato tu!
Insomma, Carlo Alberto Montori, in arte Deboroh Walker, uno che è pure stato immortalato su RAT-MAN, mentre si lamenta che nel cartone animato non si vede il pene, è adesso tra i redattori del nuovo arrivato del marchio BadQualunquecosa e si è fatto subito riconoscere.

A dimostrazione che l’ambiente del fumetto è davvero piccolo. Siamo tutti lì, stretti, stretti. Come in ascensore, appunto.

E allora dai, chiariti i malintesi, scusati gli scusabili, abbiamo festeggiato con una bella intervistona, pubblicata appunto sul sito:

http://www.badcomics.it/2013/10/badcomics-intervista-leo-ortolani/2578/

Ma sapendo che siete pigri e se non ve la leggo io, nemmeno ci provate, almeno ve la copioincollo qui sotto…

DeboroH:
Abbiamo con noi Leo Ortolani, celebre autore di Topolin… coff! coff! Rat-Man.
Da qualche anno hai svelato che il traguardo iniziale del numero 100 per Rat-Man era solo indicativo e che la serie proseguirà per qualche numero in più.
Avanti, ormai però puoi confessarlo: è stato solo uno stratagemma per diminuire le aspettative dei lettori nei confronti di questi numeri e in realtà la serie finirà davvero col numero 100.

leo:
Lo stratagemma è quello di creare aspettative e poi deluderle. Va preparato con cura, io ho iniziato nel 1997. Per i primi 13 anni dici a tutti che finirai con il numero cento, poi, dal numero 80 in poi, ti rimangi tutto.
A questo punto, invece di fare uscire il numero cento, lo salti. Dopo il 99 uscirà infatti il 101. La storia del 101 è praticamente già tutta nel numero stesso. Ci sono 101 Rat-Man inseguiti da una che vuole farsi una pelliccia gialla.

DeboroH:
Rat-Man è il personaggio che ti ha lanciato ed è stato al centro della tua carriera per 25 anni, dandoti un successo di critica e pubblico che pochi fumettisti hanno ottenuto in Italia. Mese dopo mese si sta avvicinando il momento della conclusione e, anche se non sarà un addio definitivo, rimane comunque la fine della sua serie regolare.
Quali sono le tue sensazioni a riguardo e come ti prepari a vivere questo “distacco”?

leo:
Non mi preparo, tanto non sarò mai pronto a lasciarlo. O lui a lasciare me. Avverrà. Come è nella natura delle cose. Ma come, o quando, lo decideranno le storie. Ho smesso anche di immaginarmi una fine, tanto il giorno dopo è già cambiata.
Ovviamente, se penso a un dopo Rat-Man, provo un misto di sgomento ed esaltazione. Sgomento, perché dopo tanti anni, è come andare per strada nudo, con una cravatta. Esaltazione, perché ho comprato una cravatta nuova, molto bella.

DeboroH:
Ora parliamo un po’ dei numerosi progetti che saranno presentati a Luccacomics & Games 2013 e che ti vedono coinvolto.
Innanzitutto: come credi che riuscirai a presentarli tutti quanti in soli 4 giorni di fiera?

leo:
Non ci riuscirò. E sarò presente solo tre giorni su quattro. Così, magari, qualcosa si è già presentata da sola il primo giorno.
Anzi, se mi vedrete stanco, non fateci caso. E’ un’aria vissuta che, dicono alla casa di riposo, mi dona molto.

Deboroh:
Immagino che la copertina variant di Capitan America sia un sogno che si realizza, hai sempre puntato a disegnare i supereroi Marvel. Credi che questa collaborazione possa essere un segnale di “riapertura” da questo punto di vista per poter fare in futuro qualcosa di simile? 15 anni fa avevi potuto inserire addirittura personaggi Marvel in storie di Rat-Man come “Legami di Sangue” o “L’immutabile Destino”…

leo:
Veramente, il mio concetto di “sogno che si realizza” è aprire la porta e trovare Manuela Arcuri vestita di Domopak.
Detto questo, disegnare delle copertine MARVEL è sempre divertente, anche se terribilmente impegnativo, visto che bisogna poi passare una sorta di esame da parte di un rappresentante della MARVEL stessa, che decide se la tua idea per la copertina possa andare bene o meno. E infatti, nel caso della copertina degli AVENGERS non andava bene, visto che la mia idea di vestire Occhio di Falco e Vedova Nera come gli AVENGERS, quelli dei telefilm, cioè John Steed ed Emma Peel, avrebbe strusciato contro una causa legale ancora aperta che la Marvel ha, con chi detiene i diritti di AGENTE SPECIALE.
Con la copertina di CAPITAN AMERICA è andata meglio, ma forse sono io che ho più feeling con il personaggio di Kirby. E poi c’erano tutti quei mostri di John Romita Jr. che sembrava dicessero “Disegnami!Disegnami!”
Probabilmente ci saranno altre occasioni, in futuro, ma onestamente, più che puntare a disegnare i personaggi della Marvel, sarei contento di rivedere e pubblicare quella storia sui F4 che realizzai nei primi anni 90. La cosiddetta “The Last FF Story”. Per il resto, sono già contento con i miei, di personaggi.

DeboroH:
I tuoi fan difficilmente si sarebbero mai potuti aspettare di vederti alle prese con due personaggi come Geppo e Diabolik. Ci puoi raccontare com’è cominciata questa “improbabile” collaborazione e il tuo legame con questi pezzi da novanta del fumetto italiano?

leo:
Per quello che riguarda GEPPO, sono stato semplicemente contattato dalla RW e mi sono divertito a omaggiare il personaggio femminile della serie, quella Fiammetta che in fondo aveva fatto sognare un po’ tutti i lettori di Geppo.
Per DIABOLIK il discorso è più complesso. Qui si tratta di una sorta di “colpo di fulmine” tardivo. Dopo 50 anni di pubblicazioni, ho scoperto il piacere di leggere le incredibili avventure di Diabolik. Così, fuori da ogni anniversario e da ogni celebrazione, quindi perennemente in ritardo, come mio solito, ho voluto rendere omaggio al personaggio delle Sorelle Giussani con questo RATOLIK.
Mario Gomboli, gentilissimo, mi ha regalato i bellissimi volumi usciti con la Gazzetta dello Sport anni fa, e nel leggere le prime storie, mi hanno colpito le incredibili coincidenze con alcune situazioni che ho messo dentro la mia parodia. Come il primo incontro tra DIABOLIK ed EVA KANT, qui trasformato nel primo incontro tra RATOLIK e ADA. Le dinamiche sono le stesse, ma non avevo ancora letto la storia originale.
Non voglio promettere cose che poi potrei non mantenere, tipo STAR RATS 2, ma non mi dispiacerebbe fare altre storie di RATOLIK, un giorno. Il formato dell’albo e la sua gabbia a due/quattro vignette al massimo mi ha divertito molto. Come il recuperare i retini, che non usavo più da mille anni, visto che non li metto al computer, ma uso quelli adesivi da applicare alle tavole, rigorosamente a mano, ormai introvabili. Per fortuna avevo ancora alcuni fogli adesivi che mi erano rimasti da parte.
E’ stato un tuffo nel passato.
E a proposito di STAR RATS 2, sto iniziando a mettere da parte alcuni materiali, quindi, con un ritardo di solo una decina d’anni sulla promessa fatta, è probabile che il prossimo speciale possa essere quello. O LO OBBI.
Ecco: come RATOLIK, ho subito sviato gli entusiasmi con una cortina fumogena di promesse. Ora che il fumo si dirada, sarò già oltre frontiera.

DeboroH:
A Lucca sarà messa in vendita la prima di quattro statue di tuoi personaggi realizzate da Infinite Statue. Hai pubblicato sul tuo blog alcuni bozzetti che avevi disegnato come indicazione per le statue; quanto e in che modo ne hai seguito la realizzazione nel corso del processo?

leo:
In questo caso, diversamente dalla prima bella statuetta di Rat-Man, tratta dalla serie animata, a cui non avevo partecipato attivamente, la collaborazione con lo scultore e la colorista è stata strettissima. E proficua. E il risultato sono due statue, Rat-Man e Cinzia, come le ho sempre pensate. Fedeli ai personaggi e colorate con quelle sfumature e quella attenzione ai dettagli che rende onore alla INFINITE STATUE.
A queste prime due, di cui la prima, RAT-MAN, sarà disponibile già a LUCCA COMICS, seguiranno altre due statue importanti e interessanti, quella di JANUS VALKER e quella di DARK MOUSE, il lato sfortunato della Forza.
Ovviamente, ci sono altre mille statue in attesa di essere realizzate, ma siccome non si va in paradiso a dispetto dei santi, vedremo come saranno accolte dal pubblico queste prime quattro.

DeboroH:
Sempre a Lucca sarà presentato Misterius – Speciale Scienza, albo realizzato con la collaborazione di Andrea Plazzi. Di tutti i tuoi progetti “lucchesi” è quello di cui finora è stato svelato meno, ce ne puoi parlare più approfonditamente?
Quanti Mars sono stati consumati durante la sua realizzazione?

leo:
Come forse saprete, o se non lo sapete ve lo dico io, Andrea Plazzi collabora con la manifestazione lucchese già da diversi anni, e in particolare è promotore di una sezione dedicata alla scienza, quel LUCCA COMICS and SCIENCE che è alla sua seconda edizione. Con la collaborazione di Roberto Natalini, matematico e ricercatore del CNR di Roma, Andrea ha raccolto articoli e interventi di scienziati veri, mica quelli dei film della Hammer, realizzando il numero zero di una rivista, in cui mi sono infilato senza vergogna, dicendo che ero uno scienziato anch’io.
E invece gli ho rifilato una puntata vera e propria della trasmissione a fumetti “MISTERIUS”, dove il nostro conduttore preferito ci porterà in viaggio attraverso i più grandi misteri della scienza. Si parlerà di matematica, di astrofisica e di enciclopedie. MISTERIUS – Speciale Scienza, è dedicato a tutti coloro che vorrebbero saperne di più sul mondo che ci circonda, ma poi gli basta sapere chi vince il grande fratello.

DeboroH:
Un paio di anni fa il Rat-Man Fan Club aveva organizzato un’asta di di 2 tavole a fumetti con un disegno co-realizzato da te e un altro autore, in quell’occasione John Kovalic e Milo Manara.
Quest’anno l’operazione si ripeterà ma, invece di un’asta delle tavole originali, allo stand del Rat-Man Fan Club sarà possibile acquistare un portfolio in edizione limitata il cui incasso sarà utilizzato per la costruzione di pozzi in Africa. All’interno del portfolio ci saranno le stampe di 9 “disegni doppi” realizzati per l’occasione da te assieme ad altrettanti grandi del fumetto italiano e mondiale.
Ci puoi parlare di come ti sei approcciato a queste “tavole da completare” e cosa i fan si possono aspettare di trovare in questi disegni?

allen uscito 069
Qui, con Max Frezzato…

leo:
Questa iniziativa benefica, che rende onore al club di Rat-Man e rende orgoglioso me di avere questi fan, è nata e si è sviluppata all’interno delle passate edizioni di LUCCA COMICS (and Games, dai), acchiappando mostri sacri del fumetto e spingendoli a prestare la loro opera per raccogliere fondi da destinare a opere a favore delle popolazioni africane, che non hanno ancora le fiere del fumetto. La speranza, infatti, è che una volta costruito un pozzo, quasi sicuramente organizzeranno della fiere del fumetto anche là.
E’ un’ipotesi da dimostrare, ma siamo convinti che sia un po’ la naturale evoluzione delle cose.
Per fare questo, quindi, si è pensato di far realizzare dei disegni a quattro mani da diversi autori di fumetti e da me, costante unica in questi disegni.
Così, nel tempo, sono state raccolte una decina di queste strane accoppiate disegnate ed è stato realizzato un portfolio che le raccoglie. Portfolio che verrà messo in vendita sempre a LUCCA COMICS (e i giochi) a scopo benefico.
Credo che sul sito di Rat-Man e del Rat-Man Fans Club verranno date presto delle indicazioni più precise riguardo l’iniziativa. A me resta solo da dire che disegnare sui fogli dove hanno già disegnato Silver o Taniguchi, intimorisce sempre un po’, anche adesso che sono uno scienziato.

DeboroH:
Qualche consiglio per gli acquisti: tra i fumetti che hai letto nell’ultimo periodo, ci sono opere che ti hanno colpito particolarmente?

leo:
Ma DIABOLIK, naturalmente. Anche se al momento sto recuperando quelli più vecchi, delle ristampe. E poi aspetto la seconda parte de L’URLO di Luca Conca, in uscita a LUCCA COMICS (e quelle cose là). Come tutti, sono curioso di leggere gli ORFANI di Recchioni e il nuovo DODICI di Zerocalcare. In casa mia (Panini) aspetto l’ultimo volume di THE BOYS di Ennis, e tutto quello che esce di Brubaker. Seguo sempre i manga SHAMO, REAL, VAGABOND e (quando i pianeti si allineano) BERSERK.
Supereroi: ULTIMATE SPIDER-MAN, perché Bendis è davvero, ma davvero bravo.
Di sicuro mi sto scordando qualcosa, ma al momento non mi viene in mente altro. Poi, una volta spedite le risposte all’intervista mi verrà in mente qualcosa come la migliore serie che sto seguendo adesso.

DeboroH:
In più di un’occasione hai dichiarato che ti piacerebbe realizzare una ristampa di Rat-Man in un formato da edicola simile ai comic-book americani, arricchendola con contenuti inediti.
Ora che la serie regolare di Rat-Man sta giungendo a compimento, stai sviluppando il progetto? Ci sono novità a riguardo?

leo:
Il progetto è in fase avanzata. C’è anche una data di uscita di massima, ma qui non facciamo come i film di Hollywood, che prima dicono quando esce un film e poi lo fanno. Noi siamo un po’ più seri. Prima progettiamo la serie e poi annunciamo la data di uscita.
E’ possibile che ne saprete di più a LUCCA COMICS (eccetera).
L’intento è quello di presentare la serie di Rat-Man con un apparato redazionale a corredo che vorrebbe fare impallidire i contenuti speciali della versione estesa di THE LORD OF THE RING.
Semplicemente, insieme alle storie di Rat-Man, troverete la sua storia. O la mia, fate un po’ voi. Il racconto di come sia nato e si sia sviluppato negli anni questo personaggio, con bozzetti inediti e addirittura strisce o pagine inedite, disegnate per l’occasione, basate su brani di sceneggiature non utilizzate. Ovviamente non saranno inserite nelle storie che le hanno generate, ma li troverete dentro la rivista, a corredo degli articoli che racconteranno la genesi di ogni storia pubblicata.
L’idea di una ristampa mi è venuta per venire incontro ai lettori che sono NATI durante la serie di Rat-Man e che hanno iniziato a leggere le avventure del personaggio a partire da albi tipo il numero 56. O da albi successivi. Recuperare gli arretrati, nonostante i TUTTO RAT-MAN a volte può scoraggiare, così, sulla base delle continue richieste che ho ricevuto per posta in questi anni, proveremo questa nuova avventura.
I lettori che già possiedono la serie regolare, ma a cui potessero interessare i contenuti speciali che realizzerò appositamente per questi albi, sappiano che li raccoglierò in un secondo momento, in un volume apposta.
Così che non siate “costretti” a ricomprare per forza tutta la serie, per averli.
A chi non interessano, va già di lusso così.
A chi non interessa Rat-Man, ha sbagliato intervista. Spiace anche un po’, farlo notare.

DeboroH:
Sul fronte parodie, cosa ci puoi dire? Ci sono film che hanno attirato la tua attenzione, o che addirittura hai già in cantiere?

leo:
A parte il già citato LO OBBI o STAR RATS- Episodio 2, direi che al momento non c’è altro. Ma mai dire mai! Poi al cinema esce qualcosa che mi fulmina il retrocervelletto dell’entusiasmo e mi ci butto a capofitto, scordandomi di tutto il resto!

DeboroH:
In questi anni hai realizzato alcuni fumetti che, per tua stessa ammissione, potrebbero essere sviluppati in futuro nel periodo post-Rat-Man.
La Mucca che Dorme, i Sacrificabili, le tue recensioni cinematografiche a fumetti CineMAH…
Hai già idee a sufficienza per almeno una cinquantina d’anni, come pensi di destreggiarti tra tutte? C’è qualcosa a cui tieni in particolar modo e che pensi avrà la priorità sul resto?

leo:
A dire il vero, al momento mi diverto moltissimo con le recensioni dei film. Mi vengono fuori con naturalezza.
Dopo aver visto un film, la mente inizia a partorire la recensione con una velocità che non avevo dai tempi delle storie di VENERDI’ 12. E questo significa che la sorgente trovata butta copiosamente.
Ma anche Mucca Che Dorme ha lo stesso effetto. E de I SACRIFICABILI ho un faldone di appunti che ormai esplode (eggià…).
E che dire de I GUARDIANI? La serie di agenti speciali che avrei sviluppato e che si giocò, per un momento, l’autoproduzione con RAT-MAN?
Insomma…non so cosa ci sarà, dopo RAT-MAN. Devo arrivarci. La salita è ancora lunga e solo in cima vedrò cosa c’è dall’altra parte.

DeboroH:
Nonostante una parte di lettori preferisca “quelle buone vecchie storie di Rat-Man che facevano tanto ridere” nel corso della serie sei riuscito a far evolvere la tua narrazione (in realtà il processo continua tuttora) dando vita a trame più profonde e storie che avrebbero una loro dignità anche se spogliate dall’elemento comico.
Hai mai preso in considerazione l’ipotesi di realizzare una graphic-novel “seria”, lasciando da parte completamente l’umorismo, visto che è ormai chiaro che non è il tuo unico asso nella manica?

leo:
Avevo nel cassetto una cosa più che seria. Durissima. Poi era così terribile che al momento l’ho lasciata perdere. Ma sul fronte “storie serie” potrei anche dedicarmi alla Prima Squadra Segreta. A volte mi pare di essere dentro una gabbia che mi sono costruito da solo, con le sbarre fatte di umorismo. Se Ortolani non fa ridere, che Ortolani è? E’ per questo che dopo la mia trilogia dell’Ombra (Rat-Man 91-93)ci sono stati dei lettori che hanno lasciato la serie di Rat-Man.
Ma fortunatamente ci sono stati anche moltissimi lettori a cui è piaciuta. E me lo hanno scritto. E questo mi ha dato fiducia. Forse il laboratorio per generare queste storie non è la serie di Rat-Man, ma potrebbero comunque essere accolte dal pubblico come un mio diverso modo di scrivere.
Per quello che mi riguarda, che sia scrittura comica o drammatica, mi interessa solo che sia buona.

DeboroH:
Oltre ai vari lavori futuri di cui abbiamo già parlato o che hai annunciato in precedenza, c’è qualche altro progetto che ti ronza nella testa e di cui non hai mai parlato?
Se ti va di parlarne questo è il momento.
Apriti pure con noi, sentiti libero, tanto siamo tra pochi intimi.

leo:
Disegnerò Topolino.

topolino

45 commenti
  1. veramente c’è gente che ha smesso di leggere dopo la trilogia dell’ombra?

    A me ha fatto venire i brividi dalla tensione. Mi ha attanagliato come solo l’accoppiata ”il prigioniero – ricordati di me” era riuscita a fare.

    • Barbaking permalink

      Stavo per scrivere la stessa cosa… la trovo una delle migliori storie a fumetti degli ultimi anni (e non solo di Rat-Man). Reegar è un personaggio così disturbante da far accapponare la pelle (e Walker “lo ha baciato!”^^).
      Spero davvero di riuscire ad essere a Lucca!

  2. manuela permalink

    Salve sono Manuela Arcuri, io ‘sto stilista Domopak mica lo conosco, sa, signor Ortolano!

    • A parte che dalla tua email mi sa che hai due belle basette alla Piero Pelù e ce la siamo risa insieme anni fa a Napoli, con il tuo bimbo che fletteva i muscoli ed era nel vuoto…;)
      Ma nel dubbio che tu sia davvero l’Arcuri, tranquilla, puoi venire anche senza Domopak.😉

      • alino permalink

        cavolicchio, mi hai sgamato!🙂 e dire che avevo fatto anche l’accento ciociaro! E se vengo io vestito di solo Domopak?😀
        Saluti da bimbo Vlad orami 8enne, che per il suo primo Cosplay ha voluto vestirsi da Rat-Man, ovviamente..

      • Non apro la porta, ovvio. Senza offesa, eh?:)) E la Lucha come sta? Si veste da Piccettino?

      • alino permalink

        La Lucha Sigue.. come si diceva eoni fa, quando si portava.. Ne ha fatti 3 ieri, Piccettino non ancora, ma è un’idea!🙂 semplice Topolino per ora, puoi vedere in un NANOSECONDO qui : http://www.youtube.com/watch?v=olx577kxRXs&noredirect=1 (spero non sia spam) c’è anche Vlad simil-Ratto (con scarpe ginnastica e jeans, faceva freddo) portati a mano da Claudio… riciao!

      • alino permalink

        (.. al secondo numero 0.05..)

  3. Noi lo si era detto, eh? Malfidati…😛 (sì, pure io sto tra i badcosi, son cose brutte, lo so)
    Grazie Leo!🙂

  4. Renato de Falco permalink

    Disegnerò Topolino ahahahahahahaah come al solito geniale😀

  5. Nella foto là in alto c’è un altro BadQualunque. Ma non farò la spia sulla sua identità.

  6. Michele permalink

    Bene, ora il mio entusiasmo per Lucca è salito del 90%.
    Spero di diventare un giorno il lettore più giovane ad avere tutti gli albi di Rat-Man Collection. Me ne mancano tipo 50. Sì, mi voglio male, e allora?

  7. deborohwalker permalink

    Perché ogni volta che si parla di me finisco sempre ad essere paragonato a una puzza in ascensore?

  8. “disegnerò topolino”
    hahahahaha !! Sei un grande !!

  9. DK-man permalink

    Coloro ke nn è piaciuto rat man dal 91 al 93 siete degli eretici………..un po come galileo ke dice di avere la fidanzata XDXD

    • Grazie per il supporto, DK, ma purtroppo sui gusti non si discute…E so bene che le mie storie non possono sempre piacere a tutti…SIGH!:(

  10. Marco R permalink

    Nell’intervista non si legge il pene.

  11. Andrea permalink

    Venerabile, quali dei tre giorni su quattro di Lucca ci sarai? E in questi giorni, quando/come incontrerai i tuoi lettori? Il Rat-Man che sono riuscito a farmi disegnare (“oh, giorno felice!”) comincia a sentirsi solo, vorrebbe una Thea a fargli compagnia. Ma io per fargli una sorpresa chiederei Cinzia, che diciamocelo, rispetto a Thea ha una marcia in più.

    • Io sarò a Lucca da venerdì pomeriggio a domenica mattina. Più o meno ovunque. Ma per i punti esatti e gli orari approssimativamente esatti, dovrete avere la pazienza di aspettare che li decidiamo sempre un po’ all’ultimo…ma basta che leggiate il blog, li segnalerò per tempo.

    • È la leva del cambio…

  12. Frank Grupo permalink

    Io ho sempre detto: è più facile far piangere che far ridere. Far fare entrambe le cose all’interno della medesima storia è da fuoriclasse.
    Secondo me non devi perdere la caratteristica che rende le tue storie speciali.
    Tu hai quella rara dote di saper applicare con arte la “medietas” di manzoniana memoria (e qui ho detto tutto!): un perfetto equilibrio di Commedia e Tragedia.
    Inoltre, parafrasando Elio, tu già fai storie serie, perché le fai seriamente, con impegno e professionalità, questo le rende migliori di tante cialtronate “serie” spesso osannate.
    Continua così: Ratto o non Ratto. D’altronde la tua bravura non si misura dalle orecchie!

    • Acqua fresca per il mio ego assetato!:) Fresca e frizzante! Ben gentile. Soprattutto durante la stesura del numero cento, ne ho bisogno!

    • Laura permalink

      Amen, fratello!
      A dispetto di altri eroi che, a confronto col Ratto, hanno zero umanità. Nel senso emotivo del termine.
      Nel Ratto, invece, mi ci sono sempre rivista!
      Piange, ride, ha paura e si nasconde, trova il coraggio e si butta (anche se la torre è dall’altra parte).
      Fa lo scemotto, ma ha un cuore grande grande: come Leo!

    • DimRasha permalink

      mi associo, scrivere delle storie che sappiano far ridere ma anche commuovere è puro talento Leo🙂

  13. Ho messo mi piace sulla fiducia solo per il disegno di Topolino!

  14. Vado off topic, ma Leo, devi vedere questo video, se già non l’hai fatto. Ho pensato subito a te (soprattutto per il finale XD) http://www.badtaste.it/articoli/come-sarebbe-dovuto-finire-darkness-star-trek

  15. Federico permalink

    Sei troppo forte Leo! Io sono tra quelli a cui è piaciuta molto la trilogia del l’ombra, anche perché ho praticamente iniziato da li.. Per questo attendo con ansia la ristampa! E anche tutto il resto😀! Ps: la serie di occhio di falco merita, secondo me.. Ciao!

  16. MA NOOOOO, LEO, CHE DELUSIONE!!!!!!! Ero convintissima che il tuo sogno nel cassette fosse la Jennifer Garner vestita di Domopak….Non so se mi riprenderò mai da questo shock…

    P.S. e se in futuro pubblicassi le storie più dure e cupe con un alias? E poi TA-DAAA, è sempre l’Ortolani….magari le sbarre della gabbia si farebbero un po’ meno fitte…

  17. scilleccariddi permalink

    Carissimo Leo, non commento frequentemente i tuoi post, ma quanto ho letto sopra non può lasciarmi indifferente. Chi non ha apprezzato la trilogia dell’Ombra non ha capito la “vera verità”, ossia che sei un autore più che completo e le tue opere non hanno assolutamente bisogno dell’ironia/umorismo per farsi apprezzare. E non occorre leggere la citata trilogia per accorgersene, basta andare alle prime storie.
    Sono sicurissimo che se ti cimentassi in una storia totalmente “seria” (o anche “dura”) ne verrebbe fuori un capolavoro.
    Il mio augurio di cuore è pertanto che tu riesca a spezzare le sbarre di quella gabbia di umorismo in cui ti sei (o ti hanno) infilato.🙂

  18. DK-man permalink

    Ci sarà una ristampa delle meraviglie del mondo ? purtroppo è l’unico special ke mi manca😥

  19. Un Tizi(an)o che passava da qui permalink

    Lode a te o immenso Leo!
    Sono tuo fan da moltissimi anni e mi trovo a scrivere sul tuo blog, perdona la mia pigrizia, per la prima volta.
    Colgo ovviamente l’occasione per farti i miei più sentiti complimenti per i tuoi capolavori (massì diciamolo chiaro e tondo) e per lanciarti le mie maledizioni più abbiette per aver costretto il mio portafoglio ad ulteriori esborsi in fumetteria (essendo mangofilo e marvelliano fin nel midollo, per la mole di roba che leggo quando entro in fumetteria suonano la fanfara e stendono il tappeto rosso per farti capire).
    Oltre ad adorare Rat-man in tutte le salse, in particolar modo le parodie a sé stanti, esulto come un bimbo quando esce una tua nuova recensione filmica. Infatti la notizia di un albo del cineMAH ha mandato in solluchero quei pochi neuroni funzionanti che mi restano.
    Leggendo l’articolo voglio anch’io farti un paio di domandine al quale spero risponderai (attento perché il suocero della cugina di terzo grado della portinaia del palazzo dove abita il conoscente di un mio amico che poi è morto sa dove abiti):
    1) Tra le tante idee che ti frullano in testa hai mai pensato a parodie di videogiochi o di qualche serie tv (tipo Lost che amo e in cui ho sempre sperato in una tua parodia)?
    2) C’è un’altra serie a fumetti molto simile a Rat-man, che mi piace quasi quanto il nostro sorcio di fiducia, ovvero Zannablu dello studio Dentiblu. L’hai mai letto e, se si, che ne pensi? Nel caso tu non l’abbia fatto dovresti provarlo. Sarebbe il massimo in futuro vedere un ‘crossover’ all’americana tra Rat-man e Zannablu.
    E ora ti porgo i miei ossequi ma debbo andare. Mi scuserai per la lunghezza del post ma come accennato all’inizio sono pigro, quindi il mio prossimo commento potrebbe esserci quando Rat-man arriverà al numero 100 (la ristampa però).
    Fletto i muscoli e -SBRANG- mi spalmo al suolo!

    • Ciao Tizi(an)o che passava di qui, non giocando ai videogiochi, per manifesta incapacità(ho anche due righe del dottore che mi dispensano per problemi fisici), dubito che vedrete mei parodie di videogiochi. Per le serie tv ho fatto SPAZIO 1999, ma magari non eri nemmeno nato. O non erano nemmeno nati i tuoi genitori.E poi STAR TREK. E X-FILES. E le serie dei robottoni. Per ora basta. LOST ho visto solo la prima puntata, poi mi han detto che faceva una brutta fine, ho lasciato perdere tutto.
      Conosco i ragazzi di Zannablù, molto bravi, ma credo che non farò niente in team up, ognuno ha da seguire le proprie cose, sarebbe solo una sorta di gara a chi fa più ridere, che son cose disastrose per tutti!

  20. E io che giusto dieci giorni fa ho mandato la mia prima mail in dieci anni a Leo scrivendogli en passant che sono un amico di Carlo Alberto Montori aka DeborohWalker!!!😀
    Uhahahah…meno male che la crisi familiare tra l’artista e la sua creatura è rientrata…😉

    P.S: Bellissima intervista! La fine di Rat-Man non mi spaventa più come prima.

  21. claudioscacca (@scacchino) permalink

    Leggo finalmente il numero novantotto. Chiudo l’albo. Penso: “figata”. Poi penso: “Ma non era Epicuro?”. Poi penso di nuovo: “Figata”.🙂

    • Era Epicuro. Però è morto, ho dovuto chiedere a Socrate. Poi non c’era nemmeno Socrate, ho fatto affidamento alla mia cultura.
      E lei non c’era. C’era la morte.

  22. Gentilissimo Leo,da quando mio figlio di 12 anni,molto insistentemente,mi ha fatto conoscere la sua creatura sono rimasto profondamente colpito.Incredibile dov’ero io in tutti questi anni per non accorgermi di un personaggio così straordinario e stupendo come Rat-Man e Leo Ortolani in particolare,che stupido non accorgermi di quello che accadeva in un angolo nascosto dell’edicola.Le devo chiedere scusa per il tempo e i soldi che le ho fatto perdere in questi anni.
    Comunque sappia che stiamo abbondantemente recuperando il tempo perduto,tanto che,non pensi male la sogno anche di notte,incredibile invece di pensare alle scadenze o alle bollette mi sogno Leo Ortolani come se fosse il mio più caro amico.Penso che la causa sia stata la foto di gruppo che ha inserito ultimamente.Comunque la saluto e la ringrazio per tutti i bei momenti e i sorrisi che è riuscito a rubarmi Rat-Man.
    Saluti Luigi

  23. La trilogia dell’ombra mi è piaciuta un sacco, dopo quindici anni (dei miei 27) passati a leggere il topo. Ci ho ritrovato un Leo in forma smaglianterrima tra una storia un poco “gnegna” e l’altra. In assoluto una delle mie trilogie preferite, assieme a quella manga. Con la fine del topo spero di continuare a vedere Cinzia in giro (magari non solo sulla 5° Strada), è una bellissima personaggia.

    In culo alla balena e ad majora, leo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: