Vai al contenuto

Un giorno, magari, DYLAN DOG.

13/11/2013

Sempre che possa. Sempre che Roberto Recchioni non cambi idea. Sempre che io sia poi in grado di farlo (e non è scontato).

dylan dog

 E sarebbe un piccolo cerchio che si chiude.

Date un’occhiata alla data di questo disegno. E’ il 1994. E nel 1994 sono “a spasso”, signori miei. Nessun lavoro, a parte alcune storielle di CLAN o delle MERAVIGLIE, pagate ancora meno di quando ho iniziato, o qualche striscia per la GAZZETTA di PARMA, quando il lunario mi lascia lo spazio, e basta.

Basta, nel senso che busso a un sacco di porte, con sopra scritto “redazione” e non si aprono. Ma dietro, sento che c’è qualcuno, perchè ridono e bisbigliano, ma non aprono.

E busso anche alla porta della redazione Bonelli, e Mauro Marcheselli mi ascolta con pazienza. Una, due, tre volte. Tre soggetti tra cui “INFERNO VERDE”, che però non lo convincono fino in fondo, e alla fine mi augura buona fortuna, che siccome sta già seguendo i primi passi di un altro scrittore, non avrebbe il tempo di seguire anche me.

Ecco, io quando incontro Mauro, alle fiere, agli eventi del fumetto, Mauro mi dice sempre “io sono quello che ti dissi di no, quando cercavi di scrivere per Dylan Dog…”.

Un po’ lo si dice scherzando, ma un po’ mi  sembra che si senta in dovere di scusarsi.

E non deve.

Mauro, io invece ti ringrazio molto perchè hai comunque avuto la pazienza di ascoltare quel che avevo da dire, non una, ma tre volte. E molto probabilmente quello che ti mandavo non era adatto a DYLAN DOG, per cui hai fatto bene a salvaguardare il personaggio che ti era stato affidato.

Ma soprattutto ti ringrazio perchè  dopo questa cosa qui, che avevo già bussato dappertutto, non sapevo più  da che parte andare e mi era rimasta da giocare soltanto la carta dell’autoproduzione.

Così è nato RAT-MAN.

E adesso, che da quel disegno del 1994 sono passati quasi vent’anni e ho una maggiore consapevolezza dei miei mezzi, non lo so se sarei capace di fare una storia di Dylan Dog, sono sincero.

Ma se un giorno dovessi provarci, vi assicuro che farò del mio meglio.

Intanto, grazie per questa quarta possibilità.

 

Annunci
112 commenti
  1. Ti chiedi se ne saresti capace in quanto forse intimidito dalla popolarità del fumetto in questione, ma noi lettori già sappiamo che la tua storia sarebbe un’analisi da manuale di come si scrive e di come viene scritto Dylan Dog, per presenti e future generazioni.

  2. coolflame permalink

    Io invece mi chiedo.. parli di un albo tuo, di parodia, come Ratolik? O di un numero della serie regolare di DD, da te sceneggiato e disegnato? Da come ne parli, sembra che tu abbia in mente qualcosa di più serioso rispetto ad un semplice “Dylan Rat”!

    • In effetti ci sono diverse strade, percorribili. Ma proverei quella “seria”… proverei la strada della paura…!:) A proposito…Ho visto la prima puntata di Black Mirror! Senza parole!:D Ora , piano, piano, mi guarderò anche le altre!

      • Quella serie rappresenta bene la società contemporanea.
        Un’esasperazione nella rappresentazione di certe situazioni
        che però riesce ad inquietare per quanto potrebbero essere
        verosimili da qui a qualche anno.

        Paure, frustrazioni e assuefazioni mediatiche… Molto ben fatto!

      • fuzfuz77 permalink

        Mi piacerebbe molto vedere quella “seria” con i tuoi disegni.

        E il tuo Groucho, ovviamente.

  3. egisto seriacopi permalink

    … questa particolarissima immagine (che trovo sottilmente erotica) pubblicata su The Art of the Rat, che ebbi il piacere di vedere per la prima volta qualche tempo fa, per la realizzazione del libro/catalogo omonimo, mi aveva fatto sognare un momento come quello di cui tu, adesso, e Roberto sulla posta di Dylan avete parlato… una ipotesi…una possibile realtà… che si fa sempre più possibile. Ed oggi il tuo (spettacolare) segno, (oltre ad una tua scrittura) sarebbe davvero “rivoluzionario”, per quel momento “innovativo” di cui il Mitico DD avrebbe davvero bisogno. Abbraccioni 🙂

  4. Leccastivali della Sgnaccamaroni permalink

    Scusa, Leo, ma cosa ti manca per scrivere una buona storia per Dylan? Uno che padroneggia gli intrecci narrativi come pochi, uno che ci ha regalato mille colpi di scena, uno che ha gia dato prova di saper scrivere storie per quasi ogni argomento, anche diversissimo l’uno dall’altro…che problemi potrebbe mai avere? Sono sicuro che sarebbero spettacolari anche le gag con Groucho…cosa ti manca?! Secondo me niente… 😉

  5. Djo! permalink

    hai già dimostrato quello che dovevi dimostrare, da qui in poi siamo semplicemente tutti curiosi di leggere qualsiasi cosa tu scriva. Se in Bonelli ti danno DD accetta DD, se ti chiamano dal giappone per fare Dragonball accetta Dragonball, se ti chiamano dalla Marvel per fare Spider-Man . . . hai capito.

  6. beppus1968 permalink

    Come mi è modesto, quel IL VECCHIO lì, sempre conscio dei propri limiti! 😉

    • Noi vecchi siamo cauti…poi con un inaspettato movimento dell’anca, grazie alla protesi, vi passiamo davanti in posta…;)

      • Waltz permalink

        Mi-ti-co. Ma come fai a passare dalla comicità/serio-comicità di RATMAN alla ‘paura’?
        Mah, io cmq. lo compro di sicuro!

      • Be’…la paura bisogna provarla. E’ sempre una questione di tempi narrativi. Di solito, per velocizzare, si usano espedienti visivi e colpi di scena…ma la paura, quella vera, è un angolo di luce che intravedi nell’altra stanza, mentre sei a letto, in una casa che non è la tua.. fai per cercare gli occhiali, per vedere cosa sia quella luce e quando ti volti non c’è più.

  7. mono feo permalink

    ma dai!! ormai lo sanno tutti che sei un genio! 😉

    Io un albo tuo di dylan, oppure una parodia su dylan la comprerei a occhi chiusi, senza aspettare i commenti di nessuno! 😉

  8. Scusa Leo ma sto sbavando sul tuo Blog!
    Non riesco a resistere…sarebbe una cosa troppo grande!!!!!

  9. un bel messaggio da mandare ai giovani autori che spesso si sentono “offesi” dai rifiuti e che non capiscono che bisogna sempre tentare di migliorarsi, grande Leo

  10. Porca miseria, Leo!
    Spero che si tratti proprio di Inferno Verde, così da chiudere davvero il cerchio 🙂

    • Eh, no, quando la proposi, poco dopo uscì una storia simile, nel soggetto! Che sfaiga!:(

      • Leccastivali della Sgnaccamaroni permalink

        Era “I Demoni”?

      • Eh, non mi ricordo, ma se c’erano delle serre, sì..

      • mmmm strano che tu gli abbia presentato una tua storia e dopo qualche tempo ne è uscita una simile….cmq io ho sia ogni dylan dog che ogni rat man, sarebbe come se kenshiro e dragonball si unissero per me….e ovviamente ken gonfierebbe goku….

  11. Roberto B. permalink

    L’idea di un tuo Dylan Dog serio mi intriga molto. Sarebbe un giusto premio per te che hai rilanciato(forse consacrato definitivamente) il fumetto italiano ed un’esperienza crossover totalmente inedita.
    Unica cosa, ti preferirei vedere in un DD ColorFest a te dedicato, in modo che oltre la storia(sempre seria) tu possa utilizzare il tuo personalissimo stile di disegno.
    In aggiunta un albo simile avrebbe proporzioni epocali per DD! E sono certo che avrebbe enorme successo/risonanza.
    Concludo facendoti i miei complimenti, Ratman non è mai banale ne ripetitivo. L’ironia non verte mai solo su un punto e spesso si rinnova e questo è incredibile. Il mio numero preferito a cui sono veramente affezionato però rimane 299+1. Continua così! Ciao

  12. Noi fans siamo ben consapevoli che il nostro Venerabile ne sarebbe capace, ma capisco le sue remore, DYD ha un registro abbastanza diverso da Rat-man.
    E se l’ironia li accomuna, certe soluzioni narrative che sono peculiari del Ratto, su DYD stonerebbero.

    Ma sono anche convinto che il RRobe supervisionerebbe da par suo, instradando la verve del Leo, nel modo migliore.

    Per me non c’è pericolo: se si farà, sarà un capolavoro 🙂

  13. Caspita, neanche Claudio Villa faceva copertine con un tratteggio così elegante!
    Il cantante, intendo. 😛

  14. Bravo. Complimenti per il messaggio che dai ai giovani.

  15. Manu permalink

    Complimenti: bell’illustrazione!
    Rat-Man lo seguo da molto tempo e mi piace molto quando le storie presentano anche tematiche serie.
    Fiducioso nelle tue storie, sono certo che sarà bello leggere un tuo racconto di Dylan Dog, se ci sarà l’occasione.

  16. Inferno verde.
    Buon Leo, intanto ti ringrazio per la firma messa su Comics & Science in contumacia (due giorni prima era mancata la nonna e, assieme ai due amici che sono venuti a vederti a Genova nonostante la mia assenza, mi avete davvero tirato su il morale) e poi ti chiedo:
    fan di Deodato e del suo Cannibal Holocaust? 😛
    Scherzi a parte, se realizzerai una storia del buon “Dailan” non me la lascerò fuggire!!! *__*

  17. abeas permalink

    Ma la storia che avevi presentato per DD col titolo di “Inferno verde” è diventata poi la sceneggiatura di “La minaccia verde”?
    Cosa hai cambiato rispetto alla trama originale?

  18. Ivan permalink

    Secondo me ci sono sceneggiatori che attualmente scrivono su Dylan che sono di molto inferiori a te.
    Non faccio nomi perché non è elegante.

  19. Un bel sogno il tuo. 🙂

  20. Andrea permalink

    “Inferno verde” come trama, ha qualche contatto con “La minaccia Verde”? Magari, la storia per “L’Inferno” poi l’hai riadattata per disegnare “La minaccia”? A vedere la copertina mi pare di si, la ragazza mi ricorda molto la mai dimenticata Thea (lacrimuccia). Che tra l’altro, “La minaccia Verde” è una storia che si adatterebbe piuttosto bene a Dylan Dog 😀

    • No, che mi ricordi non era la stessa storia. O, per meglio dire, LA MINACCIA VERDE non fu un riadattamento di INFERNO VERDE. Ma possos empre giocarmi il titolo per una storia futura!;)

  21. Andrea permalink

    Leo, la paura che provi la dovresti trasmettere nella storia, una storia da paura di Dylan Dog….anche io sono convinto che tu potresti realizzare una gran bella storia, sia per il testo che per il disegno. Assolutamente. Aspetto di poterla leggere, ma per favore non farmoi crescere troppo la barba, che poi Cinzia si arrabbia (ops!) 😀

  22. ma soprattutto che gran signore Mauro! sono tutti bravi a vantarsi dei propri successi, ma in pochi ricordano agli altri i propri errori (errore opinabile, ma da Mauro mi pare di capire che come tale viene percepito)

  23. Serena permalink

    ….Leo, questo forse è il pezzo più bello che hai scritto finora per il blog. Trasuda amore, e dedizione, e riconoscenza. Mi ha commosso. Grazie.

  24. cosimosinchi permalink

    Penso che se veramente andasse in porto un Dylan dog fatto da te sarebbe senza dubbio il più venduto di sempre!
    Tra fan di ratman, fan di dyd e fan dell’uomo Ortolani non ci sarebbe storia!

  25. DANI CHE CONFONDE IL NOME CON LA MAIL permalink

    quando hai realizzato quel disegno, non ero ancora nato ma sono quasi certo di essere già stato concepito. comunque una bella strada da allora! IMPRESSIONATE!

  26. Onestamente credo che un albo speciale di Dylan Dog da te scritto e disegnato, sarebbe un albo da correre a comprare consumandosi i piedi fino alle caviglie. Ma devo dire, viste certe tematiche che hai affrontato nello stesso Rat-Man, che ti ho sempre immaginato bene anche solo come sceneggiatore. Credo anzi che certe tue cose possano risultare perfette per il personaggio. In ogni caso spero di vedere presto la tua firma, lì da qualche parte.

    P.S.: E comunque ho appena finito di leggere il 99 di Rat-Man. Hai chiusi un cerchio in modo davvero memorabile. Stai a vedere, ho pensato, che adesso il ratto diventa un villain.

  27. Se un giorno ci sarà un albo di Dylan Dog firmato da te, alla Bonelli non basterà la carta per le ristampe. Quella copertina e il titolo mi fa pensare ai laboratori Denam…

  28. Ne sei capace, ne sei capace!!!!!!!!!!
    TI PREGO, TI PREGO, TI PREGOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!

  29. batcave82 permalink

    Ciao Leo,

    la copertina è fantastica. Noi fan di Rat-Man, noi che ti abbiamo seguito in ogni dove letterario, noi che siamo stati emozionati dalle avventure del ratto più simpatico delle letteratura disegnata (Beccati questa Mickey!), noi sappiamo che tu potresti disegnare qualsiasi cosa. Certo, ti muoveresti su un terreno a te meno familiare ed è forse questo che ti crea dei dubbi in merito. Se può consolarti, posso dirti che ho letto molto Dylan Dog e l’investigatore di Craven Road 7 è un personaggio della carta stampata a cui sono parecchio legato. Quindi da lettore Dylan Dogghiano ti dico che sarei davvero curioso di vedere che storia malsana potrebbe venire fuori dalla tua mente. E poi, sono troppo curioso di sapere come ti comporteresti con Groucho:)

    Gaetano

  30. Marco Ceriani permalink

    Io sarei curioso di vedere Leo su Dylan… ma non in un albo “speciale”, un “tributo o simili. Piuttosto in un bel episodio della serie regolare, ben inquadrato nei canoni e nella “serialità” di casa Bonelli, per vedere come, rispettando tutti questi vincoli, riesca comunque a far uscire il suo stile. Potrebbe uscirne un capolavoro !!!!

    Marco (Il cattivo 🙂 )

  31. Una domanda, ma hai preso piu rifiuti dalle redazioni, o due di picche dalle donne? comunque sarebbe un bell’esperimento dylan by Ortolani, serio ma con l’occhiolino alla battutina

    • Più rifiuti dalle redazioni…ma mica perché avessi successo con le donne, è che avevo paura di farmi avanti e così non dicevo niente e aspettavo che mi passasse..!

  32. olèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè

  33. aldilà del fatto che morirei dalla voglia di leggere il tuo Groucho per ovvi motivi, MAGARI! voglio leggere inferno verde :O

    Certo lo zoccolo duro dei fan dylaniati è (in parte) composto da aiatollà che ti vorrebbero in un gulag anche prima di leggere, ma chissenefrega! fletti i muscoli leo, fletti!

  34. u carcamagnu permalink

    Una storia seriosa di leo ortolani? Come mettere leo messi in porta… uno spreco :-)) meglio uno speciale, in cui tu ti possa esprimere a pieno con tutti i registri di cui sei capace come nessuno oggi in italia.

  35. u carcamagnu permalink

    Domanda con risposta multipla: Ratolik sarà un periodico?
    A. Si
    B. Certo che si
    C. Assolutamente si

  36. Leo secondo me riuscirebbe a tirar fuori uno degli albi che sogno: un mix tra la spensierata trasfertona de i misteri di Ramblyn e la folle e cupa ossessione del dott. Xabaras…. 🙂

  37. Luke Dark permalink

    Io aspetto con impazienza. Credo che in un momento come questo, con il rilancio della testata, un albo firmato da una guest star come te sarebbe un ulteriore fiore all’occhiello. Che poi non sarebbe la prima volta che accade. Ricordo lo speciale Dyd n. 2 “gli orrori di altroquando” firmato dal compianto Micheluzzi. Ecco magari possiamo aspettarci uno speciale annuale firmato Ortolani 😉

  38. PerfX permalink

    Ora scopriamo cosa farà il Maestro dopo la fine di Rat Man. Credo ne usciranno delle storie ricche di patos e con una boccata d’aria fresca per la Bonelli.

  39. DimRasha permalink

    Bellissimo post, che aiuta pure a non perdersi d’animo per ogni porta chiusa trovata sul proprio cammino..
    (e queste tue parole sono arrivate al momento giusto, per me..quindi grazie anche di questo 🙂 )
    Io credo che le capacità per farlo tu le abbia eccome.. l’ho pensato dopo aver letto le parole di Rrobe a riguardo, e lo ribadisco qui adesso..
    Parlo da umile lettrice, certo, ma non sono la sola a pensare che tu abbia un talento puro per la scrittura e la narrazione per immagini..talento puro e poliedrico.
    Rat-Man è qualcosa di più di un semplice fumetto comico, riesce a far sorridere , divertire, riflettere, emozionare e commuovere, con una fluidità nella narrazione degna di pochi.
    Sono sicura che un Dylan Dog scritto e disegnato da te sarebbe davvero speciale e degno di nota 🙂

  40. Laura permalink

    D’altronde, quando è destino non ci si può fare nulla.
    Emmenomale che non ti sei arreso.
    Hai una splendida forza d’animo!

    (´ε` )

  41. oldscuro permalink

    Un passo alla volta, ma poi aspettiamo anche la tua interpretazione di Tex!!! Con Boselli ci parliamo noi, non ti preoccupare! 🙂

  42. Recchioni.
    Ortolani.
    Dylan Dog.

    BOOM BABY.

    Se va in porto è la Triade dell’anno.

  43. Ficky permalink

    A Saronno volevo fare come domanda “Leo, c’è la possibilità che tu faccia un Dylan Dog?” Spero che vada in porto questa cosa, forza Leo e forza Dylan!

  44. Stefano Dell'Unto permalink

    Curioso. Proprio ieri, al Festival di Roma, Eli Roth ha presentato il suo nuovo horror ispirato a Cannibal Holocaust di Deodato. S’intitola Green Inferno.

    • Be’, l’espressione “inferno verde” è un po’ un classico, quando si parla, a esempio, della foresta amazzonica, o di una foresta tropicale in generale..in sostanza, non ho inventato niente…e nemmeno Roth..

  45. Andrea permalink

    Beh il tuo lato serio si vede già in alcuni passaggi di Ratman, ed anche la tua prova,anche se scritto in coppia, in Morgan mi era piaciuta molto! A proposito di Morgan è un peccato che poi non abbiate proseguito la storia mi erano piaciuto molto quei 4 albi! P.S. Certo che oltre alla tua prova seria troverei fantastica una tua versione comica in un futuro Color Fest a sfondo comico, magari con le altre storie fatte da Zerocalcare Bevilacqua e Dew! Recchioni se ci sei batti un colpo!

  46. Secondo me, intanto riusciresti a scrivere un Groucho degno di rivaleggiare con l’originale di Sclavi. Per il resto il tuo lavoro parla per te, ai tempi ho pure letto il tuo Morgan dove te la cavasti assai egregiamente in ambito “drammatico”… penso che con DYD riusciresti a tirare fuori una sceneggiatura da PAURA!

  47. Bè, un DD sceneggiato e disegnato da Leo Ortolani sarebbe…sarebbe…sarebbe un DD sceneggiato e disegnato da Leo Ortolani! e scusate se è poco…ne approfitto per porre una domanda: un Rat-Zinga potrebbe essere in cantiere? Me lo vedo “il ratto” fare “l’agganciamento” con la sua navicella 🙂

    • Ale…ma tu sei giovane, vero? RATZINGA c’è già, è una storia del 1997, Ma niente paura, tra un po’ parte la ristampa!:)

  48. Michele permalink

    Ti giuro che quando ho letto l’horror post di Recchioni che t’invitava a partecipare al progetto di Dylan Dog sono quasi esploso dalla gioia. Ero lì lì per scriverti di provare, ma mi sono trattenuto. Leggo Dylan Dog da anni e Rat-Man da pochissimo ( te lo dico?… dal numero 92), ma non ne posso fare più a meno (attendo con ansia la ristampa). Quando ho preso “Ratolik” ho pensato “…o mio Dio…. forse….ma no…. ma si…” e ora leggo questo dal tuo blog non posso che sperare bene.

Trackbacks & Pingbacks

  1. Dylan Dog sarà scritto da Leo Ortolani per Bonelli e Recchioni? | MangaForever.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: