Vai al contenuto

THOR – WHAT A WONDERFUL WORLD (la recensione)

20/11/2013

thor-the-dark-world_cover_u

Esce oggi al cinema, e io che sono un tipino precisino, vi posto qui la recensione. Non so se dirvi di leggere prima questa o guardare prima il film, tanto non è che ci siano chissà quali spoiler.

Fate come preferite e buon divertimento!

THOR 01

THOR 02

THOR 03

THOR 04

THOR 05

THOR 06

THOR 07

THOR 08

THOR 09

THOR 10

THOR 11

THOR 12

Post Post: La cosa del concorso è vera, ma vale anche per chi vota, non solo per  i blogger. Trovate tutto cercando THOR – IL FILM su Facebook, io credo di essermi iscritto, ma poi non riesco più ad accedervi, insomma, il solito esperto di computer.

Se avete quindi letto una bella recensione su questo film, votate il blogger che l’ha fatta. Automaticamente entrate nell’estrazione del premio con volo a Londra o con pellegrinaggio alla Madonna di Rimagna, a seconda di come vi classificherete. In bocca al tuono!

(Gentilmente, Giulia mi manda il link a cui potete andare, per votare:

https://www.facebook.com/Thorilfilm?sk=app_314481778692137&app_data

…grazie in ogni caso!)

r_Thor-The-Dark-World_notizia

Ringrazio per la bella serata Giulia Arbace, Giacomo Bevilacqua e Nicola del Rat-Man Fans Club.

Giacomo e Panda li trovate qui:

http://www.pandalikes.com/

Nicola lo trovate qui:

http://officialratmanfansclub.wordpress.com/

Giulia sarà lei a trovarvi.

Annunci
295 commenti
  1. Mxyzptlk permalink

    Ora premetto di non averlo visto, ma per quanto riguarda il primo, nonostante l’abbiano devastato l’ho apprezzato molto, anche perché trovo che molti non hanno compreso le intenzioni del regista, ovvero cercare di rendere credibile il personaggio ridicolizzandolo quando arrivava sulla terra! So che è un gran bel paradosso, ma rendere un supereroe dei fumetti tedioso e serioso, funziona sulla carta, ma cinematografica, se pretendi di prenderti oltremodo sul serio come fa Nolan con Batman, rischi di apparire ben più ridicolo (infatti con il terzo sta cosa si nota parecchio)!

    • Clandor permalink

      Oooooh! E poi l’avesse visto qualcuno! Per me dopo Avengers è il migliore…forze dopo Ironman (il primo). Il problema è che la gente va a vedere un film Marvel ed è convinta di trovarci “The million dollar baby”, è un film su un sui supereroi…che c’è da aspettarsi (risate, azione e trame banali….ed è il bello).

      • Secondo me state cercando di convincervi che questo sia il migliore dei modi possibili per portare al cinema una storia di supereroi. Ma vi assicuro che non è così. Io, a esempio mi aspetto di trovare una bella storia avvincente, mi aspetto di esaltarmi, di commuovermi, anche, e sì, anche di ridere, qualche volta.Ma non sempre. Non , nonostante tutto. E scusate se sono uno sceneggiatore e sarò deformato mentalmente, ma PER ME di storie BELLE, negli ultimi film di supereroi non ce n’è traccia. Non una. C’è una confusione di cose che accadono, senza una sceneggiatura potente che li trasporti. Questi film sono come una Panda con la carrozzeria di strepitose auto da corsa.

        L’altra sera, torno a casa e trovo le mie figlie con i cugini, incollati davanti allo schermo della tv a guardare ET. C’è la scena finale. Nel giro di cinque minuti, grazie alla regia, alle inquadrature, alle cose dette, alla MUSICA!!, ai piccoli gesti e ai tocchi di classe di chi sa fare i film, in cinque minuti, dicevo, nonostante lo abbia già visto milioni di volte, mi sono commosso, mi sono esaltato, mi sono sentito ancora pronto a credere all’incredibile. Ditemi quale film dei supereroi vi ha portato le stesse emozioni. Io ne ho due. Superman di Donner e Spider-Man 2 di Raimi. E ci metto anche UNBREAKABLE, che comunque parla della nascita di un supereroe.

        Cosa dobbiamo aspettarci, da un film di supereroi? Risate, azione e trame banali? Se così fosse, spiace dirlo, ma anche in quel caso, è più bello MISTERY MEN.

      • Clandor permalink

        In effetti anch’io mi aspetto da uno Spiderman, di commuovermi, ma non da Thor o Ironman! Magari anche nei film/supereroi, ci può essere un genere e un’altro. Comunque Mistery men è un film troppo sottovalutato…se lo avessero fatto ora, avrebbe avuto più successo.

      • Ghost Rider permalink

        Non vedo perchè non ci si possa commuovere con una storia di Iron Man e invece con una dell’Uomo Ragno sì.
        Io ricordo benissimo una scena di Iron Man dopo che lui è rimasto paralizzato: durante un consiglio d’amministrazione si sporge per prendere dei documenti sul tavolo ma la sedia a rotelle sbatte contro il bordo e gl’impedisce di raggiungerli; tutti i presenti sono sbigottiti e dubbiosi che Tony possa guidare la compagnia in questa nuova situazione.
        Nella vignetta successiva, senza un momento di esitazione, Tony gira la sedia a rotelle e con un sorriso sulla faccia afferra i documenti dicendo “scusate devo ancora abituarmi a questa sedia”. Ricordo d’aver pensato: “Ecco cos’è un eroe.”

  2. amuro permalink

    beh, meglio la figurina di Sandokan che quella di Facchetti

  3. Alla supercazzola ho rischiato il soffocamento 😀

  4. io voglio la maglietta “hulk sph”!

  5. Sono pronto agli insulti, a me il film è piaciuto! non mi sono addormentato e ho sopportato l’inutile 3D, forse mi aspettavo molto meno sangue da Topolino&soci…

    • Ci sono morti e feriti, ma mi sono perso il sangue. C’era del sangue? Non è ironico, è che in WWZ non ce n’è nemmeno l’ombra, nemmeno quando dovrebbe!

      • Ok non si vede, ma credo che la madre non sia morta per una brutta tonsillite!(SPOILER!!!)
        Anche le famiglie dei mimi non se la sono passata bene! Insomma, secondo me hanno fatto uno sforzo…

      • beppus1968 permalink

        Magari l’avviso SPOILER mettilo prima dello spoiler… Sennò serve a poco! 😉

      • Federico Monteneri permalink

        è più probabile il nudo integrale del sangue nei film disney, mica vorrai traumatizzare i bambini?

  6. Valentina permalink

    Perchè sei così genio??????

  7. Azz… piuttosto che vedere ancora “La grande bellezza” preferirei infilare i miei genitali in un cesto di granchi…

  8. Tiziano permalink

    Questa recensione compensa l’autografo mancato di 20 Secondi e due persone al Lucca Comics… Bellissima recensione… Sei un grande…

  9. Tiziano permalink

    Per la cronaca sei sempre in corsa per la corriera… Hai un margine di 50 voti per ora… Dai dai!!

  10. il risucchio di Bifrost qui alla scuola elementare Attilio Regolo sta suscitando un certo sconcerto.

  11. Marcolino permalink

    Ti ho votato, te lo meriti di vincere!!! =)

    Poi vogliamo le foto del viaggio!!!!! 😀

    • Ti mando le foto di Rimagna!:))

      Scherzi a parte, ringrazio tutti coloro che hanno affrontato Malekith per votare, che vi giuro, non riesco nemmeno a trovare dove sia la lista dei candidati! Ma sarò impedito? Postando così tardi, non mi sarei nemmeno aspettato di concorrere per il viaggio in corriera, figuriamoci per Londra! Ma vi ringrazio molto, per il vostro tempo!:))

  12. la verit su questo film in questa recensione meriti tutti e tre i premi!!!! pi un quarto a scelta fra un barattolo di coopella (la nutella della coop) e una cartolina di buon natale inviata da Nicola Arigliano ai suoi fan

  13. Grande Leo, la gita in corriera a Brescia mi ha fatto piegare dalle risate, anche perché sono bresciano!

    Ti auguro di vincere il viaggio a Londra – ti ho anche votato, pensa! -, ma se gita a Brescia dovesse essere, sappi che un tuo fan è pronto ad accoglierti!

  14. Aldo permalink

    Dai che sei terzo. Ormai il viaggio in Rimagna è assicurato. Per non parlare dei vari gadget, forse la Giulia aggiungerà a questi anche una gigantografia di Loki/ Hiddleston.

  15. Leo, però perdonami ma lo Spider Man 2 di Raimi… No, eh. “DOV’E’ SPIDERMAN?!” disse dr. octopus lanciando un’auto dentro a un bar. E dentro al bar c’è l’unica persona che poteva aiutarlo a trovare spiderman, che non viene ucciso schiacciato dalla macchina appunto perchè è spiderman, ma octopus non poteva saperlo.

    • Spider-Man è SEMPRE al posto giusto nel momento giusto, fa parte della sospensione di incredilità del fumetto, qui riportata nel film. Ma è niente, in confronto a un THOR che su un lontano mondo sente suonare il telefono di Jane e trova, guarda caso, su un INTERO pianeta, il punto di unione dimensionale in cui sparivano gli oggetti. Lasciamo perdere il più acclamato Skywalker che atterra malamente su Dagobah PROPRIO a pochi metri da casa di Yoda. Se iniziamo con queste “coincidenze” non la finiamo più.:) Il problema è un altro. E va al di là di questi espedienti narrativi. Che comunque in SPIDER-MAN 2, funziona egregiamente, anche per la spettacolarità della scena e il tempismo inopportuno di un Parker che sta parlando di cose importanti con MJ e il nemico lo interrompe. Quante volte gli succede, anche nel fumetto!La sfiga di Parker!

      • Mxyzptlk permalink

        Il secondo Spider-Man di Raimi è uno dei cinecomic migliori mai prodotti, assieme agl’X-Men e il secondo Hellboy, cioè… regia praticamente perfetta!, la cosa che mi fa rammaricare di più è che dopo un film tanto bello, la sony abbia deciso di metterlo in quel posto con il 3 (che comunque, nonostante una sceneggiatura che rimbalza male da tutte le parti, la regia di Raimi è sempre ottima, su questo non ci piove)!

      • Sarà, non contraddico troppo quello che scrivi perchè tu sei uno sceneggiatore e io no, però… Boh quella scena in particolare… L’ho trovata un poco stonata. E non mi citare Luke però, lui trova Yoda perchè è guidato dalla Forza (Ahaha! “Yodel trovato tu hai, sigh sob”) o così almeno Lucas dice…Io Thor ancora non l’ho visto, e sono convinto che ci rimarrò esattamente come te, stasera. Beh grazie per il confronto, sinceramente mi ha sorpreso 🙂

      • Oh, al di là dell’essere sceneggiatore, poi son sempre pareri personali, eh? Tipo che a mia figlia piaccioni i film in base a se poilui bacia qualcuna. Infatti, per lei, Man of steel, grande film!:)

      • Luke atterra vicino a casa di Yoda mica per il volere della Forza o per suo culo… ma perché è Yoda che guidato il suo caccia ha…

  16. Marco Ceriani permalink

    In effetti i film gli ultimi film dei supereroi li vedo al cinema magari mi piacciono anche (non troppo), ma poi non sento nessun bisogno di rivederli. Potrei passare la vita a rivedere “Nati con la camicia” ma al secondo giro di Wolverine L’Immortale già mi annoio (ne caso di Wolverine forse già dal primo giro)

    P.S. ma ve lo immaginate che bello Thor che prende a martellate sulla schiena Bud Spencer e quello si gira indifferente e con una canocchia sulla testa lo stende? 🙂

  17. Mi prostro ad Ortolani, come sempre magnifico…
    E siccome qualcosa mi fa dedurre che il nuovo Thor non sia un granchè ( come se il primo fosse un capolavoro), penso che me lo scaricherò solo per vedere Tom Hiddleston *inserire grasse risate*

  18. Mxyzptlk permalink

    Visto ieri sera, per me è promosso, dai… Sicuramente a livello di trama, ritmo e come film in generale non è perfetto, specie per il ritmo che purtroppo viene interrotto dalle gag comiche che stavolta, almeno per la maggiorparte sono mal dosate e inserite nei momenti meno opportuni, oltre che fini a se stesse! Però, vabeh, a parte questo mi è piaciuto, alla fine per quel che deve funzionare funziona! Malekith trovo sia un cattivo poco incisivo (anche se nel film non contava tanto il personaggio quanto la minaccia che esso rappresentava), forse una caratterizzazione simile a quella del Principe Nuada in Hellboy 2, avrebbe giovato di più… però in fondo, è di questo tizio che stiam parlando:
    http://cdn2-b.examiner.com/sites/default/files/styles/image_content_width/hash/2a/53/2a538c99dab171d21c6721040ea0c596.JPG?itok=04m-Xl6e
    quindi mi accontento del fatto che ne sia venuto fuori un cattivo credibile Gli altri interpreti se la cavano ottimamente, su tutti la Portman, quest’ultima la sto adorando sempre di più, ad ogni film!

    Infine la scena dopo i titoli di coda, mammina mia, vale da sola il prezzo del biglietto…

  19. Luca Regazzi permalink

    Leo, io voterò il tuo blog perché nessuno può commentare un film come lo commenti tu. Rimango sempre ammirato dal tuo talento innato di saper divertire e dalla tua creatività. Spero sempre di riuscire ad avere il tempo di intercettarti in qualche evento solo per stringerti la mano e dirti che sei veramente un fuori quota del fumetto. E non sono un ragazzino, ho 52 anni. ma per me – come diceva Dan Peterson – sei il n.1. Complimenti!

  20. Luca Regazzi permalink

    A me piacciono moltissimo i Batman di Nolan (che so che a te non fanno impazzire). Watchmen fino a 20 minuti dalla fine è ottimo, poi fa la cazzata di cambiare il finale…. Non mi era dispiaciuto Hancock con Will Smith e ho trovato piuttosto bello Chronicle, forse per la sua atipicità.

    Il primo Iron Man si lasciava guardare e anche The Avengers. Concordo con Unbreakable, l’ultimo film decente di Shyalaman (a parte The Village).

    Il resto è bassa classifica.

  21. Maestro Ortolani ma dov’è la recenZione di Pacific Rim? La sto aspettando da mesi, ho proprio l’urgenza di leggere un suo commento su questo film.

  22. Non voto mai ai contest, MAI! Ma per questa volta mi sono sentito in dovere di farlo. Leo se vinci il terzo premio offri da bere a tutti l’Amaro del Frate Cercone!

  23. Ok, l’ho visto ieri sera. sono d’accordo con Leo quasi per ogni scena. Soprattutto ci sono troppe, troppe gag. La scena di Thor in metropolitana è veramente un pugno in un occhio mancante di odino.Comunque al netto delle gag lo trovo un LEGGERISSIMO passetto in avanti rispetto ad Iron Man 3, che ho trovato davvero, davvero sbagliato, in ogni direzione.Comunque io sono un amante dei Batman di Nolan, quindi probabilmente la penso così perchè la tristezza albeggia in me.

    • Mxyzptlk permalink

      Il terzo Batman di cose sbagliate ne ha parecchie però, alcune ben più gravi di quelle di Iron ManXD Poi analizziamo… il Bane di Nolan, per come viene strutturato, è ridicolo almeno quanto il Mandarino di Iron Man 3 a mio parere… c’è solo una sottile differenza, che non posso dire senza spoilerare!

      • beppus1968 permalink

        Con l’aggravante che i film di Nolan si prendono molto sul serio e non fanno nulla per sdrammatizzare. Ne consegue che gli errori sono assai più grossolani e vistosi. Il terzo Batman è a mio giudizio imperdonabile.

  24. Visto ieri sera… Che dire… Recensione presa al 100%… Non è male, ma la Disney per me doveva continuare a fare Duck Tales, e le avventure di Pippo e lasciare agli adulti le cose serie… Peccato…

  25. raffa permalink

    Speravo di trovare citata la scena in cui lui (SPOILER). In sala, a Genova, è scoppiato l’applauso. L’APPLAUSO A SCENA APERTA!

    • Scusa la censura, ma il film è ancora nelle sale e non è bello raccontarlo a chi non l’ha visto. E’ il motivo per cui non ne ho parlato.

  26. Stefano permalink

    Le astronavi di Asgard non vi ricordano quelle di Moby Dick5?
    Per chi non si ricordasse!

    • Tiziano permalink

      A me dopo guardandole bene ricordavano tantissimo le navette dei Cylon di Battlestar Galactica… La nuova serie… Soprattutto gli inserti rossi che scorrevano dall’alto verso il basso… A voi non le ricordavano? Sul primo momento non ci ho pensato, poi riparlando della serie con altri ragazzi mi è venuto un flash e ho capito cosa mi ricordavano…

  27. DejanZ. permalink

    Dico la mia: non ne posso più di queste recensioni, me le postano dovunque! Ovviamente non è colpa di chi le scrive, ahahah. Non ne posso più perché “al mio occhio di algebrista” vedo le simmetrie tra di esse. Che male c’è in una gag? Apprezzo moltissimo l’ironia, soprattutto dove non te l’aspetti. C’è a chi non piace e per esprimere ciò bisognerebbe dire “non mi piacciono”, non congetturare sul nulla. Mi viene in mente un controesempio: Kill Bill vol.1 e vol.2, prodotto dalla Miramax che dal ’93 al 2010 ha fatto parte del gruppo Walt Disney Company. Chiaramente da questo possiamo dedurre che il pizzetto di Pai Mei è stato voluto da quei simpaticoni dei disneyani.

    • Tranquillo, io vedo le simmetrie tra questi film. Non c’è niente di male in una gag, ma va messa al posto giusto, parere personale, eh?

      • DejanZ. permalink

        Ma non esiste “IL” posto giusto. Siamo nel campo dell’arte, ovvero della soggettività. Dire il contrario è un atto di grande presunzione: per fare lo sceneggiatore basterebbe leggere il manuale del provetto screenwriter che insegnerebbe tutti i “posti giusti”; il suo mestiere diverrebbe così equivalente a quello della macchina che produce salsicce.
        I pareri, personali o meno, devono essere comunque motivati, se non si vuol fare la figura del cialtrone, ma le congetture sul nulla contro la Disney etc. non sono tali (ho molti controesempi, vedi sopra, e non vedo come si possano confutare). Se ci sono motivi, che vengano fuori, allora sì che leggerei con interesse quello che mi propinano tutti i miei amici suoi fan ;).

      • Gregorio permalink

        DejanZ. da come ne parla non sembra che lei l’abbia visto il film. Di sicuro avrà presente, nella vita di tutti i giorni, degli esempi di “battute a sproposito”. L’essere “fuori luogo” è soggetivo, chiaramente, infatti chi le fa non se ne accorge, però un certo numero di chi le ascolta si scambia degli sguardi. Questa recensione è uno sguardo tra chi ha capito il loro essere fuori luogo.
        Dovrebbe avvertire i suoi amici del fatto che non condivide questa visione, non noi.

      • Non saprei dirlo meglio.
        E mi permetto di consigliare a Dejanz di non leggere le mie recensioni, che di cose dette in giro su questi film ce ne sono tante, basta selezionare quelle di proprio gusto.

      • Tiziano permalink

        Un martello che insegue il proprio padrone per una città onestamente in un film come Thor è veramente fuori luogo… Gag Degna non di Hanna Montana ma bensì di Le avventure di Pippo, dove se non sbaglio è stata usata e riusata con accessori diversi e situazioni diverse… Volete un esempio più critico ancora? La Gag se vogliamo riprende quella di Fantozzi in Scuola di Ladri con il Boomerang… Mi pare evidente che siamo su due livelli e tipo di film diversi… Dato che il povero Villaggio per la sua comicità demenziale e molto semplice è stato sempre denigrato non vedo perché la stessa Gag in un film da milioni di dollari deve diventare giusta… Proprio non capisco… Ma io sono un semplice fruitore del cinema, non me ne intendo magari sono sciocco io a pensare certe cose…

        Leo come disse Dante: “Non ti curar di loro, ma guarda e passa…”
        Io la tua recensione l’ho trovata attinentissima una volta visto il film… Come anche quella di Iron Man 3…

    • DejanZ. permalink

      Certo, leggerò solo ciò che già conosco e condivido, un consiglio che apre la mente.
      Io il film l’ho visto; piuttosto mi pare che mi si risponda senza leggere ciò che scrivo.
      Gregorio: la sua sarebbe una corretta risposta a qualcuno che scrivesse “non esistono battute a sproposito; non capisco cosa vogliate dire”. Peccato che io non ho affatto scritto ciò. Mi è stato risposto da Leo Orotolani che la “gag va messa al posto giusto”. Ora, l’uso dell’articolo determinativo implica l’unicità di ciò che viene dopo. Conclusione: per ogni gag c’è uno ed un solo posto e quelli che hanno scritto Thor non conoscono quelli relativi alle gag che hanno inserito (compreso il nulla a quanto pare che equivale a non metterle proprio! 😀 ). Sentenziare ciò implica a sua volta che chi parla conosca quel posto, ci siamo? Da qui la mia precedente risposta: non esiste IL posto giusto per ogni gag perché siamo nel campo del soggettivo (così come non esiste IL luogo giusto per le battute e le battute risultano sempre fuori luogo per alcuni e non per altri).
      Ma oltre a queste (apparenti) questioni di lana caprina, ho scritto un secondo, e principale, punto: come si può dedurre dal ragionamento di cui sopra l’intervento di “quei malvagi della Disney” sul lavoro creativo dei Marvel Studios in punti specifici del film? Perché WD Company fa rima con Pippo e Paperino? Bene, peccato che Marvel Studios non è La Casa di Topolino, ma solamente un’azienda che fa parte di un gruppo più grande, così come, per riprendere un esempio già citato (ma ce ne sono tantissimi altri ovviamente), la Miramax dei tempi di Kill Bill. Di nuovo (e sono tre): o si motiva il parere o si fa la figura da bar dello sport. Anche perché sarebbe un parere interessante: a me cambierebbe sapere (o quantomeno credere giustificatamente) se la Disney interviene in certi punti specifici dei film Marvel per fare etc. Ma se chi sostiene ciò non porta argomenti, non ho motivo per crederlo vero.
      La faccio ancora più chiara: si hanno prove (senza gonfiare il significato di questa parola, un ragionamento logico può essere considerato una prova) o si sfrutta solo un nome importante e come è connesso all’immaginario collettivo per una serie di ripetitive battute?

      • Gregorio permalink

        Personalmente e senza vergogna, il mio è un allegro pregiudizio. Se lo stesso tipo di operazione fosse stato fatto dalla Warner Bros, avrei pensato “Che meretrici quelli della Warner! Una cosa così raffazzonata allo scopo di piacere anche ai più giovani!” Essendo stato fatto dalla Disney (o da una sua parte), il mio pensiero cambia così: “Ecco, Biancaneve e i sette nani ha colpito ancora!” Ma chiaramente la Disney fa anche film ben più adulti.
        Non solo, la Disney fa anche film per bambini che sono dei capolavori anche per gli adulti!
        Per questo film è difficile dirlo. Probabilmente per la mia esperienza di attore e proto-sceneggiatore, anch’io percepisco chiaramente le dinamiche delle storie e capisco quando si parla di inserti che spiccano.
        Per quanto riguarda qual è IL posto giusto per una gag, personalmente se dovessi chiedere il parere a UNA persona al mondo, sarebbe Leo Ortolani. Sì, è chiaro che il posto non è uno solo, ma sappiamo che ci sono diverse gradazioni di grigio, e le mie sono stranamente allineate con le sue.

      • Avevo anche scritto una risposta circostanziata, ma poi ho riletto i tuoi interventi e mi chiedo chi tu sia e cosa tu stia veramente cercando, su questo blog.

      • Gregorio permalink

        Giulia!

      • DejanZ. permalink

        Gregorio: capisco il tuo punto di vista; di sicuro, a differenza della precedente, la tua è una risposta adeguata (che non condivido, ma c’è poco altro da dire 😉 ). Ovviamente riguarda solo un punto del mio ultimo post, quello marginale.
        Per quanto riguarda l’altro resto a mani vuote a quanto pare: chi io sia e cosa sto cercando? Posto nome e cognome? 😀 Non è che se c’è un commento di qualcuno che è in disaccordo, allora si tratta di un troll o simile. Non so, non credo di poter essere più chiaro di quanto sia già stato sopra: se mi si vuole rispondere bene, altrimenti dormirò lo stesso. Non capisco questo rispondere-senza-rispondere, mah.

      • DimRasha permalink

        inizio col dire che non mi è chiaro, se tutto è soggettivo , il senso di questo attaccare così un qualcosa che non rispecchia gli stessi punti di vista.
        ma ovviamente c’è libertà di opinione, quindi mi sento di dire anche la mia.

        Io non ho visto questo film perciò non posso esprimere pareri esatti a riguardo. Ma posso basarmi sul suo prequel e sui cine-comics passati.. e le gag, le battute,come l’utilizzo smodato di effetti speciali molto spesso aiutano a camuffare buchi di trama, o sceneggiature deboli.
        E chiunque può rendersi conto di questo, perchè alla fine non ti lasciano poi molto, questi film.
        Cioè, ti ricordi di quella scena particolare, di quella battuta lì, di quell’effetto speciale là…ma concretamente? Poco.
        Qui si parla della situazione generale del cine-comic.
        S’ intende cioè, che sarebbe un ottima cosa da parte delle grandi case di produzione pensare ai film tratti dai fumetti in modo più ponderato rispetto ad una spudorata ‘macchina per far soldi’, dove le gag in questione non alleggeriscono il film ma lo ‘trasformano’ radicalmente.. con la conseguente sensazione di ritrovarsi di fronte ad un ”remake” del personaggio di quel dato fumetto, reso più appetibile al pubblico di un ampissima fascia d’ età ,certo, ma denaturato e reso qualcosa di totalmente differente rispetto al suo originale di carta.

        Non in tutte le pellicole tratte da fumetti seriali accade, ma spesso sì. Come pare, in questo caso.
        Ecco cosa si intende con ‘intervento disneyano o/e di casa marvel entertainment’.
        Che questi film vengono sviluppati troppo come ‘film per famiglie’.

        Sulla questione della ‘gag al punto giusto’ per cui non esisterebbero ‘punti giusti’.. è chiaro invece che esistono dei punti ‘giusti’ eccome,in cui piazzare una gag o una battuta all’interno di una sceneggiatura.. è la base della comicità sapere quale tipo di reazione provocherà quella determinata battuta e quando è il momento giusto per usarla.
        Comprendo la soggettività ma il punto è quale risultato si vuole ottenere con l’utilizzo di quelle situazioni comiche.

        perchè basandoci su questo, quel ‘punto giusto’ di cui si diceva può anche non esserci, in un film.
        Come detto, l’inserirlo o meno (e in che dosi) dipende da che risultato finale si vuole ottenere. Che tipo di prodotto si vuole portare sul mercato.

        E non dico assolutamente che siano produzioni scadenti, nessuno l’ha detto.
        Solo, che sono pellicole sviluppate davvero troppo con un target di ‘puro intrattenimento’.
        Ed è un peccato, perchè se quello che stò andando a vedere è un film basato su un fumetto che ha decenni di storia alle spalle, come ad esempio ‘Thor’, io mi aspetto di andare a vedere un film che rispecchi il fumetto di Thor.
        Non qualcosa di liberamente ispirato al fumetto di Thor, riveduto e corretto, con troppi momenti di pura comicità e trama debole.
        Per quello c’è l’Asylum. : )

      • Gregorio permalink

        DejanZ., (posso chiamarti Walt? :D) ha presente la scena ormai classica del poliziotto in incognito che viene sgamato immediatamente? Noi siamo qui a minchionare in t-shirt sdrucite e all’improvviso uno in giacca e cravatta e cappello nero interviene: “Ma perché dici queste cose della Disney? Spiegami bene.”
        Ma non deve preoccuparsi. Le risate e i gridolini durante il film ci sono a palate, Leo l’ha detto. E’ che qui siamo abbastanza nerd, siamo quei 2-3 in sala che speravano di vedere un drammone epico degno dei fumetti originali che veneriamo… tutto lì.
        Il film ha avuto delle proiezioni di prova, la gran parte del pubblico ha detto che lo trovava pesante ma che gli erano piaciute le gag, allora gli sceneggiatori hanno dovuto (bravissimi ma entro una scadenza ridicola e senza poter toccare le scene già girate!) aggiungere gag. Macchina che produce salsicce, diceva? E’ l’immagine giusta. Però è venuto fuori un successone di barbecue. Con 2-3 cultori della lunegana scontenti.

      • DejanZ. permalink

        DimRasha:
        1) non è detto che “tutto è soggettivo”, ho detto che è soggettivo il luogo giusto di una gag in un film, ma questo è un fatto, cioè è oggettivo perché pubblicamente controllabile (come? Chiedi a due tizi, ad esempio me e Gregorio, “ti è piaciuta quella battuta in quel posto?”: uno ti risponde sì, l’altro no e la risposta di entrambi si basa su un irrefutabile passata esperienza personale).
        2) sul discorso del “cosa vuole provocare lo sceneggiatore”, beh, se fosse vera la tua tesi, allora per dire se una gag è al punto giusto o meno bisognerebbe sapere (e non supporre senza prove) cosa in effetti voleva fare lo sceneggiatore; ma il bello è che anche se lo si sapesse (o lo si riconoscesse da sé, come spesso capita a chi non ha “occhi da sceneggiatore”), ciò proverebbe solo e soltanto che lo sceneggiatore non otterrà quello che voleva, non che la gag non faccia ridere o che il film non piaccia a nessuno.
        3) non condivido assolutamente nulla del discorso generale sui cine-comics: ispirati o no a personaggi già esistenti etc. non fa alcuna differenza. Il film “Thor” non deve nulla al fumetto “Thor” se non, eventualmente, pagare i diritti ai detentori del copyright. Ovvero non deve nulla al livello artistico/creativo. Parola di nerd. Aspettarsi di rivivere i fumetti al cinema è razionale tanto quanto aspettarsi di rivivere Mozart leggendo il Don Juan di Byron (e viceversa). Infine il fatto che tu li trovi troppo x o troppo y fa parte del tuo gusto ed è perciò indiscutibile, in senso letterale.

        Gregorio: difficile che ci sia qualcuno più nerd di me qui, ahahah :D. Per quanto riguarda il discorso film-fumetti vedi punto 3). Tutto lì o meno, a me il tutto lì corrisponde a questo: una persona scrive delle recensioni su film che mi interessano parlando di ambiti che seguo; ne leggo qualcuna (forse un paio) più svariati altri suoi commenti e in ognuno di essi c’è sempre una stessa tesi che viene fuori; la tesi è interessante, ma non è supportata da nulla; la persona che scrive le recensioni ha un blog; decido di domandare se ci sono buoni motivi per sostenere la tesi perché si tratta di una domanda la cui risposta è disgiuntivamente informativa (lo so, è un parolone, ma quel che significa è presto detto: se la risposta alla domanda “ci sono buoni motivi etc.?” è sì, allora si può dedurre una certa cosa; se è no, se ne può dedurre un’altra; in sostanza ci si guadagna in ogni caso, il miglior tipo di domanda da porre 😉 ). Tutto qui.

      • DejanZ. permalink

        Ps: manca un apostrofo, lo metto qui ‘. Manca un ‘anche’ in “(o lo si riconoscesse come spesso capita ‘anche’ a chi non ha occhi da sceneggiatore)”. La macchina che produce salsicce era una citazione di Poincaré.

  28. Frizzo permalink

    Credo sia la più bella recensione che abbia mai letto. Valeva la pena di vedere il film solo per leggere poi questa recensione. Complimenti 🙂 Per il resto hai detto solo sacrosante verità.

  29. Andrea permalink

    Thor che fa la supercazzola, impagabile ❤

  30. (contiene Spoiler) Come quasi sempre caro signor Ortolani mi trovo d’accordo con lei,va detto che il film nella prima parte tiene egregiamente,il primo tempo comincio quasi a sperare di vedere un piccolo Signore degli Anelli,almeno nell’epicità delle scene (non certo nei contenuti),e mi dico “si dai forse sta volta la Marvel non ha fatto l’ennesimo film comico mascherato da filmone epico” poi parte il secondo tempo e la mia mente subito formula un pensiero di Dr Housesca memoria: “E INVECE NO!”.
    Mettiamo da parte il fatto che alla morte di Frigga ne Thor ne Odino versano una lacrima che sia una,ovviamente per non rattristare i bambini con il pupazzetto di Thor in mano,ma poi parte Loki con le sue gag degne del Joker nei suoi momenti più spensierati,infine i 3 Guerrieri vengono di nuovo lasciati nel ripostiglio per dare spazio a quei simpatici burloni di Darcy/Salvig/Stagista che danno un contributo così importante alla trama da vincere l’Oscar;inoltre per evitare di complicarsi la vita gli sceneggiatori sganciano il silenzioso Ogun nel pianeta natale,un po come Jet Li nei Mercenari 2,l’ennesimo asiatico abbandonato da Hollywood.
    Quanto alla prima scena post credit,che dice tutto a chi se ne intende e nulla ai profani,con un ossigenato Del Toro che mi lascia un po di basito,non menzioniamo la seconda scena post credit che serviva a dare la ciliegina gag sulla torta di risate :),alla Marvel lascio ormai solo Cap 2 come ultima chance di redenzione,visto che il primo è stato il mio Marvel Studios preferito forse sta volta non uscirò dal cinema con l’amaro in bocca,forse.

    • Aspetto con speranza anch’io, CAPTAIN AMERICA THE WINTER SOLDIER. Calo per ora velo pieotso, sui momenti visti nel trailer de I GUARDIANI…Se si confermano in tutto il film, avremo VACANZE DI NATALE NELLA GALASSIA.

      • Nobilone permalink

        Eh, speriamo…. Iron Man 3 dal trailer sembrava un film sulla tragica caduta agli inferi di un eroe, e invece. Thor TDW (a partire dla titolo) il film più dark del Marvel Cinematic, e guarda che roba. Se tanto mi dà tanto, se non c’è due senza tre, se il buongiorno si vede dal mattino, avremo Cap e Falcon che danno papagni in testa come i due superpiedi quasi piatti.

        E magari GotG sarà una space tragedy senza precedenti.

        (Ché poi a me l’approccio disenyano non dispiace, ma vorrei che fosse più… Onesto, per così dire.)

    • Francesca permalink

      L’unico bambino che c’era in sala, dopo la morte di Frigga se n’è andato insieme a uno dei due adulti da cui era accompagnato, e non è più tornato. Se non voleva traumatizzare i bambini hanno sbagliato di grosso.

  31. Antonella Mu permalink

    ti votai, e ora ti seguo pure!

  32. Nick permalink

    Grazie Leo, perché dopo aver visto questo “film”, grazie alla tua recensione , mi hai reso la domenica migliore. Se non ci fossi tu…

  33. beppus1968 permalink

    Relativamente al discorso “giusto”, “non giusto”, “opinioni personali” e quant’altro, posso dire di trovarmi spesso in quasi totale disaccordo con Leo relativamente ai film supereroistici (e spesso non solo quelli: io, per esempio, ho adorato LA GRANDE BELLEZZA e, in tutta sincerità, non riuscirei a liquidarlo come ha fatto Leo, seppur per esigenze comiche, dopo averne visti appena 15 minuti).

    Su THOR – THE DARK WORLD la pensiamo in modo diametralmente opposto, in quanto a me è piaciuto tantissimo e non ho trovato una singola gag (non mi sembra ce ne siano così tante!) che non fosse inserita ad arte o che inficiasse la portata epica della trama, né ho visto tradito, sul grande schermo, lo spirito del personaggio che ho amato in tanti anni di lettura dei comics.

    Trovo che Leo, e glielo dico anche vis à vis, senza problema alcuno, tenda ultimamente a partire piuttosto prevenuto nei confronti dei lungometraggi prodotti dalla Disney/Marvel: si veda per esempio il suo commento di qualche tempo fa su I GUARDIANI DELLA GALASSIA, che era già il più brutto film del prossimo anno ancor prima che Leo vedesse la sequenza del promo lucchese in cui (orrore!) uno dei protagonisti osa mostrare il dito medio ai suoi avversari (per dire, nessuno trovò nulla da obiettare quando Wolverine mostrò l’artiglio medio a Ciclope nel primo X-MEN). James Gunn non mi piace e non ho apprezzato i suoi precedenti film, ciononostante ho speranza che I GUARDIANI possa essere una bella avventura spaziale: mi sembra oltremodo prematuro esprimere giudizi al riguardo, dal momento che, salvo un breve trailer bootleg apparso in rete, non ci sono elementi di valutazione sufficienti a farlo. Parto tuttavia ben disposto, nella speranza di non restare deluso.

    Fatta questa lunga premessa, credo sia nel diritto di ciascuno di noi dire la propria su un film nel modo che si ritiene più opportuno, a maggior ragione se si è autore comico. L’importante, secondo me, è farlo sempre con garbo, gusto e rispetto delle altrui opinioni (cosa che, ahinoi, capita sempre più di rado, soprattutto sul web e talvolta anche nei commenti a questo blog). In questo Leo e io andremo sempre d’accordo (tendenzialmente perché siamo due vecchietti, anche se lui è IL VECCHIO)!

    • Clandor permalink

      Mi hai levato le parole di bocca! Comunque cito sempre Leo come idolo, è anche per questo che non trovo molto bella la comune modernità di attaccare qualsiasi film…e speravo in una maggior razionalità. Alla fine siamo tutti diversi!

    • Adorare la Grande bellezza è quantomeno insolito… è un film in cui potresti cambiare d’ordine molte scene e non cambierebbe nulla… è un film praticamente senza trama e senza alcun messaggio… ripeto: preferisco immergere i miei genitali in un cesto di granchi che vederlo di nuovo…

  34. coolflame permalink

    Ciao Leo!
    Il film, non l’ho visto.
    Non sono un grande fan Marvel – forse perchè conosco solo la Marvel di oggi – ma per curiosità ho visto tutti i film, per prepararmi alla visione di Avengers. Dove però ho visto solo tanto fanservice e una trama ridicola e inconsistente. Ma non sono uno sceneggiatore.
    Il primo film di Thor per me è stato uno dei più noiosi mentre mi è piaciuto quello di Capitan America, forse perchè il personaggio nasce come perdente, e io gli arroganti non li sopporto.

    Detto questo, la tua recensione ha il mio voto! (E la vignetta di Niki Lauda è spettacolare, è il tuo tipo di demenzialità/comicità che preferisco, lo stesso di “oh no, Don Paolo!”, perchè è davvero imprevedibile)

    Ho letto che hai visto la prima di Black Mirror. E mi fa piacere che tu abbia apprezzato, sono curioso di sapere se ti piaceranno anche le successive!

    Ciaoooo!

  35. beppus1968 permalink

    Leus, recupero questo tuo commento di qualche giorno fa, perché m’era sfuggito. Be’, gioia mia santa, io ti voglio bene, ma vienimi a dire che in SUPERMAN IL FILM non ci sono gag!
    Tutta la seconda parte del lungometraggio è una sequela di gag che manda bellamente “a ramengo” quel che di buono s’è fatto dalle prime sequenze fino alla prima apparizione di Superman in costume.

    Sembra quasi di assistere a due film differenti: non appena Luthor e Otis entrano in scena, il tono cambia completamente, trasformando la trama in una sorta di parodia, alla stregua del vituperato SUPERMAN III che, se non altro, era tutto improntato sui toni della commedia, dall’inizio alla fine!

    Tutta la seriosità con cui sono state affrontate la distruzione di Krypton, l’adolescenza di Clark Kent, la morte di Jonathan, l’istruzione di Clark/Kal-El all’interno della Fortezza della Solitudine viene letteralmente cancellata in favore di sviluppi ridanciani e ridicoli. Pur con tutto l’amore che provo per quel film, devo nel contempo ammettere che si tratta di una delle pellicole con minor equilibrio nella storia del cinema fantastico (e supereroistico). Un po’ di obiettività, su!

    Mi citi poi UNBREAKABLE, che è un capolavoro, ma che non è tratto da alcun fumetto, pur narrando la genesi di un supereroe: è tanto più facile trasporre su grande schermo un’idea originale, laddove non si devono fare i conti con decenni di continuity, rivisitazioni e, soprattutto, l’ira dei fan talebani che non te ne perdonano una. Per questo non mi sentirei di metterlo sulla bilancia con i film Marvel, perché è inevitabile ne esca vincitore: Shyamalan aveva molte più chance di raccontare ciò che voleva, come voleva.

    E tiri poi in ballo E.T., che è un altro capolavoro imprescindibile: che senso ha paragonarlo a THOR o a THE AVENGERS? Santo cielo, dai film Marvel non mi aspetto null’altro che sano entertainment e una generale fedeltà alla fonte fumettistica. In questo non sono mai stato deluso e non mi sognerei mai di paragonare questi film a intramontabili capolavori del passato (sui quali, peraltro, incide non poco il fattore nostalgia, dal momento che li vedemmo in un periodo della nostra vita in cui certamente eravamo più sensibili e facili alle grandi emozioni).

    Il tutto per dirti che nessuno, qui, sta cercando di auto-convincersi che questo è il modo migliore di trasporre i supereroi su grande schermo (anche se secondo me ci va molto vicino): semplicemente abbiamo una visione della cosa che è diversa dalla tua, forse magari siamo anche più sempliciotti e naif e, probabilmente, guardiamo questi film senza troppe pretese, godendoceli per quel che sono. Si può fare di meglio? Certamente, ma mi sembra tu sia fin troppo severo con produzioni che hanno quale principale velleità quella di divertire e intrattenere, catturando una fetta di pubblico vasta ed eterogenea.

    • beppus1968 permalink

      Oddio, me l’ha messo in coda a tutto il thread… Be’, sicuramente sai a quale tuo commento stavo replicando! 😉

    • Clandor permalink

      Credo che tu abbia detto tutto quello che c’era da dire! Quello che io non sono riuscito ad esprimere!

  36. laele permalink

    Mi viene difficile immaginare Nicola Arigliano as 9th Doctor 🙂

  37. Un umilissimo omaggio, maestro.
    http://cinematografiapatologica.blogspot.it/2013/11/dick-tracy-1990-di-warren-beatty.html
    Grazie per mostrarci la via con talento e dedizione, attendendo sempre trepidanti la rece di valhalla Rising.Che abbiamo idea romperà persino il limite invalicabile di talento espresso da questa sua ultima fatica

  38. A me “Thor, the dark world” in realtà è piaciuto abbastanza, epperò le recensioni di Ortolani sono sempre bellissime.

  39. Zakky85 permalink

    Secondo me, tanto per fare un esempio delle ”troppe gag”, basta guardare una scena in particolare. Casualmente una delle prime con Thor e Loki insieme. Ci son gag che possono piacere o meno, ma avere una ”voce fuori campo” (Loki) che commenta OGNI SINGOLA AZIONE per un quarto d’ora di film, ogni volta con una battutina o una frecciatina senza fare altro che parlare e non essere di nessun aiuto, beh io li ho proprio pensato ”ma non ti stai mai zitto??”

  40. Ma le donne amanti di Thor, il vichingo, il biondo dagli occhi di ghiaccio, dove si sono estinte?
    …Ci hanno tolto l’unica motivazione per andare a vedere qst film…damn Loki!!

    • Gea86 permalink

      Ehm l’unica motivazione per andare a vedere questo film E’ Loki

  41. c’è un tipetto che la pensa anche più drasticamente di te!
    certo Alan…
    http://www.badtaste.it/articoli/alan-moore-trova-allarmante-il-successo-di-avengers

  42. Eh, vabbeh… al premio Prometheus sono morta. MORTA!

  43. Paolo permalink

    Come sempre comicissimo, interessante! L’unica cosa scusa se mi permetto, forse l’ho percepita male io, la vignetta con Niki Lauda tra le fiamme non mi e’ sembrata molto simpatica…poi magari esagero…Saluti!

    • Nemmeno a Niki Lauda. Però spero mi perdonerà. Del resto, io avevo il ciondolo di Niki Lauda, mica di James Hunt…che quando ho guardato il film, non mi ricordavo nemmeno chi fosse!

    • Gregorio permalink

      C’è rimasta male anche mia moglie. Io invece sono morto dal ridere e ho apprezzato moltissimo. Mah.

  44. Davide dl permalink

    qualcun’altro ha visto i sandspeeder di Jabba?

  45. movida permalink

    Scusate se lo scrivo qui, ma vi sembra normale una cosa del genere? http://www.ebay.it/itm/RATOLIK-di-LEO-ORTOLANI-AUTOGRAFATA-da-DON-ALEMANNO-/141126823931?pt=Fumetti_Occidentali&hash=item20dbd06ffb

    La gente non sta bene, veramente…

    • Di solito, un fumetto o un autore dovrebbero essere in grado di promuoversi da soli, per la bontà delle storie o del disegno…Ma promuoversi, salendo sulle spalle di RATOLIK, con questa iniziativa “di ridere” mi lascia perplesso. Ratolik sarà alto si e no un metro e 55…

  46. “Natalie Portman vince il “Premio Prometheus!” per aver toccato qualcosa di chiaramente pericoloso” qua sono morto! ahahahahah

    http://stanzaidee.blogspot.it/2013/11/thor-2.html

  47. Lilith permalink

    Mai letti tanti wall of text tutti insieme. Mi viene in mente solo una cosa da dire: Leo, cosa andrai a vedere prossimamente? Qui bisogna cambiare discorso :PP

Trackbacks & Pingbacks

  1. Thor: the dark world | reparto costumi
  2. Thor – The Dark World: recensione molto poco seria | Tagli
  3. THOR – The Dark World | Alexdante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: